HOMEPAGE / News ed Eventi / Lettere salva controlli: 220mila italiani non hanno fatto il 730 pur essendone obbligati

Lettere salva controlli: 220mila italiani non hanno fatto il 730 pur essendone obbligati

730L’Agenzia delle Entrate ha terminato di spedire circa 220mila lettere salva controlli ai contribuenti italiani che non hanno inviato la dichiarazione dei redditi tramite 730, pur essendone obbligati per legge (altrimenti avrebbe avuto l’esonero dalla dichiarazione dei redditi), avendo percepito nel corso dell’anno solare 2014 più redditi da lavoro dipendente o da pensione da diversi sostituti d’imposta, i quali non hanno effettuato il conguaglio delle imposte.

E’ questo il primissimo risultato a vantaggio del Fisco, per accertare casi di evasione, prodotti dal 730 precompilato, disponibile on-line dallo scorso Aprile per tutti i contribuenti, grazie ai dati trasmessi dai datori di lavori e dagli enti previdenziali. Insomma non si scappa più: se ti avevano assegnato un 730 precompilato, dovevi presentare la tua dichiarazione dei redditi.

Le lettere salva controlli contengono un invito bonario a correggere tale situazione tramite un ravvedimento operoso, da realizzarsi tramite la presentazione del Modello Unico entro il prossimo 29 Dicembre, in modo da sanare subito la situazione, senza incorrere in controlli successivi che allora sì aggraverebbero la posizione di detti contribuenti.

Procedendo tramite modello unico entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria del 30 settembre, i contribuenti che non hanno presentato il 730 pur essendo nella situazione di doverlo fare, possono usufruire di sanzioni ridotte, che se invece scoperte a distanza di anni (fino a 5), quando avvengono i controlli più approfonditi, portano a sanzioni e conseguenti interessi molto più elevati. Insomma non si scappa più come dicevamo prima, ma in un certo senso grazie a questa ulteriore fase di controlli, che potremmo definire preventiva, si evitano ai contribuenti sanzioni ben peggiori. Ora, grazie proprio alle lettere salva controlli, il cittadino può sanare subito la situazione e pagare di meno.

Dal sito internet de “Il Sole 24 ore”, scopriamo che le persone che hanno ricevuto le lettere salva controlli possono ricevere assistenza nella compilazione della dichiarazione dagli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate o chiamando il call center al numero 848.800.444 dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17, e il sabato, dalle 9 alle 13. Rivolgersi ad un Caf rappresenta però sempre la soluzione più semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.