HOMEPAGE / News ed Eventi / Economia: sono 10 milioni gli italiani a rischio povertà

Economia: sono 10 milioni gli italiani a rischio povertà

soldi - pagamento - scontrino Aumenta sempre più pericolosamente il numero di persone e di famiglie a rischio povertà in Italia. Tale piaga non riguarda infatti solo i disoccupati, ma anche gli occupati precari o con prospettive incerte, quindi l’area considerata del ‘disagio sociale’ è aumentata addirittura del 3% nell’ultimo anno. Nel bacino delle persone in difficoltà si contano infatti 283mila persone in più (nel confronto tra Settembre del 2014 e quello del 2015), secondo i dati elaborati da Unimpresa. Il risultato è che oltre 9,533 milioni di italiani non ce la fanno più e si trovano attualmente in uno stato di miseria o di rischio povertà.

La disoccupazione sarà pure in discesa, ma non rappresenta questo l’unico parametro per verificare se una famiglia appartiene o meno a quelle più in difficoltà. Agli oltre 3 milioni di persone disoccupate, bisogna sommare i contratti di lavoro a tempo determinato, sia quelli part time (740mila persone), sia quelli a orario pieno (1,83 milioni); vanno poi considerati i lavoratori autonomi part time (821mila), i collaboratori (346mila) ed i contratti a tempo indeterminato part time (2,68 milioni). Dai calcoli elaborati dal Centro studi di Unimpresa insomma, sulla base dei dati Istat, ci sarebbero 9,53 milioni di persone a rischio povertà.

L’aumento preciso in percentuale delle persone in difficoltà nell’ultimo anno è stato del 3,1%, che sono passate appunto a 9,533 milioni di unità rispetto al precedente dato di 9,25 milioni: in un solo anno quindi bene 283mila persone sono entrate nell’area di disagio sociale. Da questo numero totale si possono desumere le seguenti osservazioni: il dato degli occupati in difficoltà aumenta considerevolmente e si registra inoltre uno spostamento non indifferente delle persone dalla fascia degli occupati deboli a quella dei disoccupati.

Di strada per uscire dalla crisi insomma, le famiglie italiane purtroppo dovranno percorrerne ancora molta, a dispetto di quello che ci raccontano in televisione.

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.