HOMEPAGE / News ed Eventi / Avete ancora le Lire? Ecco come cambiarle da oggi in Euro

Avete ancora le Lire? Ecco come cambiarle da oggi in Euro

10000 Lire (diecimila vecchie lire italianeLa Corte Costituzionale ha recentemente dichiarato illegittima la norma che anticipava dal 28 febbraio 2012 al 6 dicembre 2011 il termine ultimo per la conversione delle lire, e così il Ministero dell’Economia insieme alla Banca d’Italia hanno dovuto rivedere le loro idee in proposito e studiare un metodo per poter rimborsare i cittadini italiani.

Quindi a partire da oggi, venerdì 22 Gennaio 2016, si potranno convertire le lire in euro, e sarà questa davvero l’ultima chance a disposizione, ma purtroppo non valida per tutti ed infatti riguarderà solo e soltanto le persone che hanno chiesto di convertire le loro lire in euro tra il 6 dicembre 2011 ed il 28 febbraio 2012, ovviamente con l’appositia documentazione della domanda rifiutata, e specificandone l’importo preciso.

La conversione potra essere richiesta ed evasa velocemente presso una qualsiasi delle Filiali della Banca d’Italia che svolgono il servizio di Tesoreria dello Stato. La documentazione da portare con sè per ottenere la conversione del denaro e quindi il rimborso consiste nelle richieste scritte (cartacee con sottoscrizione, tramite PEC o semplici e-mail), ovvero le dichiarazioni relative alla mancata effettuazione del cambio da parte di una Filiale della Banca d’Italia, purché sottoscritte da parte del personale dell’Istituto, con data non successiva al 28 febbraio 2012.

Con queste misure, verranno quindi probabilmente chiuse tutte le cause legali avviate giustamente da alcuni dei cittadini che nel 2012 si accorsero solo alla fine che l’utimo giorno utile per effettuare la conversione dalle lire agli euro era stato anticipato di quasi 3 mesi. La stessa BankItalia ha infatto fatto sapere ufficialmente che proporrà in prima persona la stipula di specifici accordi transattivi con gli avvocati dei ricorrenti. Ma a venir rimborsati saranno anche quelli che scoraggiati, non avevano all’epoca fatto causa alla Banca d’Italia ed allo Stato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.