HOMEPAGE / News ed Eventi / Addio Tasi anche per i proprietari separati che devono pagare per il coniuge

Addio Tasi anche per i proprietari separati che devono pagare per il coniuge

tasi - tari - tares Non solo ti lasciano, non solo il giudice le o gli concede la casa che è solo tua, ma devi pagarci anche le tasse sopra: Irpef, Tasi ed Imu. Per fortuna, almeno in parte, dal prossimo futuro non sarà più così.

La relatrice di maggioranza, Magda Zanoni, del Partito Democratico ha infatti annunciato un emendamento alla Legge di Stabilità in discussione in queste settimane in Parlamento, che dovrebbe andare a sanare tale situazione: quando il coniuge proprietario è costretto a lasciare la casa propria dopo la separazione, ed è costretto ad andare a vivere in affitto altrove, la casa che la moglie (solitamente) o il marito si godrà al posto suo (magari anche con l’amichetto o l’amichetta) diventa per lui o per lei una seconda casa, sulla quale si vedrà costretto / a a pagare sia la Tasi che l’Imu (per la serie: oltre il danno, la beffa!). Ma con la Legge di Stabilità, tale stortura clamorosa dovrebbe non avvenire più e la casa lasciata all’altro coniuge verrà considerata prima casa comunque, esente quindi da Imu e Tasi, e sulla quale si continueranno a pagare solo le eventuali tasse Irpef.

Non è certo questa la soluzione a tutti i mali, ma almeno si evita un accanimento ulteriore in situazioni economiche già difficili, conseguenti a molte separazioni (ma c’è già chi protesta, vedendo dietro alla manovra un voler favorire i divorziati rispetto alle coppie normalmente sposate).

La commissione Bilancio del Senato dovrebbe terminare comunque l’esame del ddl entro pochi giorni, per consegnarlo con gli emendamenti al Senato già da lunedì prossimo. Il provvedimento passerà poi alla Camera dei Deputati, per la seconda fase della discussione. L’iter della manovra dovrà concludersi obbligatoriamente con l’approvazione entro il 31 Dicembre, per fare in modo che la normativa (compresa quella sulla Tasi) possa entrare in vigore come da prassi dal 1 Gennaio prossimo.

Vi segnalo comuqnue l’articolo di approfondimento dedicato all’argomento specifico della TASI nel caso di casa assegnata al coniuge

Esenzioni e riduzioni IMU e TASI

verificate poi prima di tutto se siete obbligati al versamento dell’IMU e della TASI. Vi anticipo che i due tributi hanno due presupposti e discipline diverse per cui non è detto che se siete esenti dall’uno non devete versare l’altro.

Leggete a tal fine l’articolo dedicato alle esenzioni e riduzioni IMU e TASI.

Approfondimenti

Nonostante quello che potrebbe sembrare un caos apparente sappiate che una volta che si hanno gli strumenti per effettuare il calcolo anche procedere autonomanente non è così complicato. Vi segnalo a tal fine gli articoli di approfondimento sulle domande e chiarimenti IMU e TASI come anche l’articolo dedicato alle Aliquote IMU e TASI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.