HOMEPAGE / Liberi Professionisti / Quali Quadri della dichiarazione dei redditi deve compilare il Lavoratore Autonomo

Quali Quadri della dichiarazione dei redditi deve compilare il Lavoratore Autonomo

I quadri soggetti alla compilazione da parte del lavoratore autonomo non sono tutti per cui passeremo in rassegna l’elenco di quelli da compilare che caratterizzano questa particolare categoria di reddito a cui assoceremo poi anche quelli che devono compilare le persone fisiche non titolari di partita Iva in modo da dare qualche chiarimento e farvi risparmiare tempo nella redazione del 730 o Modello Unico.

Soggetti Obbligati alla presentazione del Modello Unico

In estrema sintesi e senza pretesa di esaustività tutti i soggetti persone fisiche titolari di partita Iva devono compilare il Modello Unico o dichiarazione unificata in quanto in essa sono contenute sia le voci di redditi derivanti dalla professione e budini costi, ricavi, detrazioni, deduzioni, credito e debiti di imposta, sia le tasse che pagherebbe come persona fisica e che attengono la sfera più personale come per esempio le detrazioni per carichi di famiglia, per spese mediche, etc..

Per comprendere anche eventuali fattispecie o casi particolari abbiamo dedicato proprio un articolo sui soggetti obbligati alla compilazione del modello Unico in quanto vi son tanti casi che godono delle esenzioni.

I quadri  da compilare che caratterizzano la dichiarazione dei redditi dei lavori autonomo sono il Quadro RE, RL, RC, RI

Compilazione Quadro RE del Modello Unico

Il quadro si intitola Reddito di lavoro autonomo derivante dall’esercizio di arti e professioni

  • Quadro RE relativo ai proventi ed oneri derivanti dall’esercizio dell’attività di lavoro autonomo ed è il quadro dove troverete effettivamente tutti i vostri proventi generati nel precedente anno di imposta. Questo quadro andrà compilato da tutti i titolari di partita Iva che svolgono attività d partita Iva in Italia indipendente dalla loro residenza.
  • Nel seguito trovate tutti i campi che compongono il quadro RE del Modello unico per farvi rendere conto delle informazioni che vi serviranno

RE1 Codice attività 1
RE2 Compensi derivanti dall’attività professionale o artistica
RE3 Altri proventi lordi
RE4 Plusvalenze patrimoniali
RE5 Compensi non annotati nelle scritture contabili
RE6 Totale compensi (RE2 colonna 2 + RE3 + RE4 + RE5 colonna 3)
RE7 Quote di ammortamento e spese per l’acquisto di beni di costo unitario non superiore a euro 516,46
RE8 Canoni di locazione finanziaria relativi ai beni mobili
parametri: cause di esclusione 4 Compensi convenzionali ONG
Reddito di lavoro autonomo derivante dall’esercizio di arti e professioni
RE9 Canoni di locazione non finanziaria e/o di noleggio
RE10 Spese relative agli immobili
RE11 Spese per prestazioni di lavoro dipendente e assimilato
RE12 Compensi corrisposti a terzi per prestazioni direttamente afferenti l’attività professionale o artistica RE13 Interessi passivi
RE14 Consumi
RE15 Spese per prestazioni alberghiere e per somministrazione di alimenti e bevande
RE16 (Spese alberghiere, alimenti e bevande 1 ,00 Altre spese 2
RE17 50% delle spese di partecipazione a convegni, congressi e simili o a corsi di aggiornamento professionale 3 (Spese alberghiere, alimenti e bevande 1 RE18 Minusvalenze patrimoniali
RE19 Altre spese documentate
RE20 Totale spese (sommare gli importi da rigo RE7 a RE19)
RE21 Differenza (RE6 – RE20) (di cui reddito attività docenti e ricercatori scientifici 1
RE23 Reddito (o perdita) delle attività professionali e artistiche
RE24 Perdite di lavoro autonomo degli esercizi precedenti RE25 Reddito (o perdita) da riportare nel quadro RN)
RE26 Ritenute d’acconto (da riportare nel quadro RN)

Nel caso invece di ditte individuali o meglio di studi associati i quadri variano a seconda dell’ubicazione dello studio se su territorio Italiano o no in quanto per quelli situati in Italia il quadro da compilare sarà l’RC mentre per quelli situati all’estero sarà l’RI.

Quadro RL  – Altri redditi

Andremo ad inserire altre tipologie di proventi come sopra descritto come ad esempio Attività sportive dilettantistiche e collaborazioni con cori, bande e filodrammatiche o come per esempio Proventi lordi per l’utilizzazione economica di opere dell’ingegno, di brevetti industriali, ecc. percepiti dall’autore o inventore o Compensi derivanti dall’attività di levata dei protesti esercitata dai segretari comunali Redditi derivanti dai contratti di associazione in partecipazione se l’apporto è costituito esclusivamente RL27 o da prestazioni di lavoro e utili spettanti ai promotori e ai soci fondatori di società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata

Quadro RC – Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e d assimilati

Qui invece andremo ad inserire eventuali proventi derivanti dall’esercizio abituale di arti o professioni e budini di attività di lavoro autonomo ed eventuali crediti di imposta.

Oltre a questi vi saranno da compilare i quadri relativi ai redditi della persona fisica, quello delle spese mediche e oneri deducibili (Quadro RP) per poi arrivare al quadro principe Quadro RN che riguarda il quadro con la determinazione dell’imposta Irpef da versare e che rappresenta inquadro riepilogativo di tutte le voci di  reddito e di spesa.

Una volta individuati i quadri da compilare non vi resta che stare attenti alle scadenze da rispettare per la compilazione e trasmissione della dichiarazione dei redditi modello unico nonché l’elenco degli eventuali oneri deducibili e spese detraibili per cercare di pagare meno tasse.

Contribuenti Minimi

Il quadro della dichiarazione da compilare è il quadro CM nel quale andranno inseriti nella sostanza gli stessi dati che trovate riepilogati sopra nel quadro RE tipico dei lavoratori autonomi in generale.

Se impilate il CM non dovrete riportare gli stessi dati anche nell’er altrimenti duplicherete il dato dei proventi per cui occhio.

Nel seguito i modelli di dichiarazione Unico previsti per il 2017 che andranno trasmessi telematicamente compilati da un intermediario abilitato entro la scadenza del 30 settembre di ogni anno.

PF3_modello Unico_2017

PF2_Modelli_2017

Redditi_PF1_mod_09022017

 

Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 1]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.