HOMEPAGE / Lavoro Dipendente / Lavoro autonomo con partita Iva e contratto a progetto o collaboratore coordinato e contiuativo

Lavoro autonomo con partita Iva e contratto a progetto o collaboratore coordinato e contiuativo

Immagine del faticoso lavoro autonomoUn professionista titolare di reddito di lavoro autonomo e quindi titolare di partita Iva, che non sia iscritto ad alcun Albo professionale, può agire in regime di collaborazione coordinata e continuativa a progetto solo se questa collaborazione non rientra nell’ambito dell’attività ordinaria svolta professionalmente.

Prendiamo il caso in cui un professionista riceva un’offerta di lavoro per una consulenza a progetto per un periodo limitato di tempo e per poche ore al giorno: non sarebbe giusto vietare la presenza di due forme di reddito in assenza di una chiara incompatibilità tra le due attività svolte.
Non sarebbe consentito a chi esercita la professione in forma di lavoro autonomo svolgere la stessa tipologia di lavoro sotto un contratto di collaborazione a progetto o di dipendenza.

Tuttavia in questa sede riteniamo che qualora non vi siano incompatibilità tra le prestazioni svolte in qualità di lavoro autonomo e l’esercizio dei compiti richiesti dal contratto di dipendenza non ci siano margini affinché i lavori non possano essere esercitati congiuntamente.

Operativamente si dovrà procedere in tal senso: per quello che concerne gli obblighi contributivi relativi al contratto di dipendenza questi saranno assolti dal datore di lavoro che li tratterrà dalla busta paga. Per i compensi svolti in qualità di lavoro autonomo, quando questi rientrano nell’ambito di competenza di una cassa previdenziale autonoma, questi dovranno essere versati li, stante dichiarare preventivamente che i compensi previdenziali ed assistenziali sono già versati dal datore di lavoro. In questo caso quindi sarà necessario versare solo il contributo soggettivo che emerge dalla fattura.

Nel caso in cui non via una cassa di previdenza gli altri compensi andranno soggetti a contribuzione per il tramite della gestione separata INPS a cui andrà comunicato che gli ulteriori obblighi previdenziali ed assistenziali sono assolto da altro datore di lavoro nell’ambito di un contratto di lavoro dipendente.

Con risposta a interpello 65/2008, il ministero del Lavoro ha affrontato il tema della compatibilità – per un lavoratore autonomo, titolare di partita Iva – di un contratto di collaborazione a progetto. Quest’ultimo, in base al decreto legislativo 276/2003 – ricorda il ministero – deve essere riconducibile, come modalità organizzativa della prestazione, a uno o più specifici progetti o programmi di lavoro o fasi di esso.
C’è da dire che pur se valido il principio di omnicomprensività del reddito di lavoro dipendente, questo deve essere inteso in pendenza del rapporto stesso dovendosi necessariamente escludere eventuali somme percepite al di fuori di quel rapporto: potremmo immaginarci un dipendente che va dal proprio ufficio del personale a dichiarare che ha percepito una determinata somma di compensi a fronte di lavori svolti al di fuori dell’orario di lavoro?

Incompatibilità tra partita Iva e lavoro dipendente

Vi consiglio anche di leggere l’articolo dedicato all’ incompatibilità tra lavoro dipendente e al lavoro autonomo in cui vi sono dei principi e degli spunti analoghi da considerare per ulteriori approfondimenti su un tema, quelo del doppio lavoro che ormai in tempi di crisi sta spingendo molti ad intraprendere.

I due regimi agevolati attualmente a disposizione

Vi segnalo inoltre che esistono due regimi agevolati qualora voleste intraprendere l’attività di lavoro autonomo ovvero libero professionale su cui ho scritto due guide sintetiche per farvi capire come sarete tassati ed i requisiti per accedere oltre alla modulistica da compilare per aprire la partita Iva.

  1. Nuovo nuovo regime dei minimi 2015- 2016 con tassazione al 5% per i primi cinque anni di attività
  2. Nuovo regime forfettario dei lavoratori autonomi con partita Iva disciplinato dalla Legge n.190 del 2014

Regime per coloro che erano già titolari di partita Iva con il regime dei minimi prima del primo gennaio 2015. Verificate comunque ogni anno che siano ancora in essere. Per il momento sono confermati dalla Legge di stabilità 2016.

Chiusura partita IVA

45 commenti

  1. Lei versa come lavoratore dipendente ma deve verificare se raggiunge il massimo che le consentirebbe di non versare anche contributo come lavoratore autonomo (posso immaginare di no perchè il massimale è alto)

  2. Buongiorno, sono assunto come dipendente a tempo indetermitato full time e vorrei aprire p iva con regime dei minimi per svolgere recupero crediti con contratto a progetto.. il versamento dell INPS a chi spetta?

  3. Salve, io sono uno psicologo regolarmente iscritto all’Ordine professionale della mia regione, e sono in possesso di partita IVA con regime dei minimi 2012 (aliquota al 5%). Nel 2014 ho accettato un contratto Co.Co.Co., della durata di 3 mesi, per una Università. La mansione che si prospetta nel contratto è quella di tutoraggio di un Master, e non si richiede il requisito di essere iscritto all’Albo professionale, ma soltanto di essere laureato in psicologia.

    Recentemente sono stato pagato, e mi è stato detratto l’IRPEF e un terzo dei contributi, che sono stati versati alla gestione separata dell’INPS.

    Il mio commercialista mi ha detto che avrei dovuto dire all’Università che sono un professionista, e che come tale emetto fattura, e non accetto contratti Co.Co.Co. Infatti, lui rileva che secondo la legge Fornero, i titolari di partita IVA devono emettere fattura, anche se nella fattispecie si tratta di una mansione che non si qualifica come professionale, non essendo richiesta l’iscrizione a nessun albo (quindi, non si richiede che il soggetto sia uno psicologo, ma soltanto un laureato in psicologia). Il mio commercialista conclude dicendo che potrei essere oggetto di accertamento, ed essere sospettato di mancata fatturazione.

    A me sembra assurdo, a buon senso, fatturare una prestazione che non è nello specifico professionale. Chi ha ragione?

    Grazie

  4. Non intravederei alcuna causa di incompatibilità

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.