HOMEPAGE / Liberi Professionisti / Pensione Anzianità Lavoratori Autonomi Titolari partita Iva Commercianti coltivatori, artigiani e

Pensione Anzianità Lavoratori Autonomi Titolari partita Iva Commercianti coltivatori, artigiani e

La Pensione di Anzianità dei Titolari di partita Iva, lavoratori Autonomi, coltivatori, artigiani e commercianti mette in luce le difficoltà di comprendere le modalità di accesso alla pensione, il calcolo, le finestre i requisiti richiesti e le novità introdotte dalla nuova normativa.

Il calcolo della pensione di per i soggetti che sono titolari di partita iva e che possono essere commercialisti, avvocati, imprenditori, lavoratori autonomi, coltivatori, liberi professionisti, artigiani commercianti, ecc potranno andare in pensione quando avranno raggiunto il versamento di 35 anni di contributi previdenziali presso l’INPS o altra cassa previdenziale o albo di appartenne( a tale proposito si consiglia di visionare il regolamento della rispettiva cassa di previdenza di competenza per verificare eventuali difformità).

Anche i liberi professionisti infatti devono fare i conti con la pensione seppure questi ultimi solitamente estendono la loro attività molto spesso bel oltre il raggiungimento dei periodi di anzianità.

Oltre al possesso dei requisiti anagrafici e contributivi di accesso al diritto della pensione sarà necessario anche verificare il momento di accesso alle finestre di anzianità che dopo la nuova manovra correttiva 2010 è cambiato.

In primis è necessario aver rispettato il compimento del 59esimo anno di anzianità e successivamente passiamo al calcolo dei contributi previdenziali. Nel calcolo dei 35 anni di contributi previdenziali ricordiamo che dovranno essere computati tutte le annualità contributive versate dal lavoratore ricomprendendo anche i contributi volontari e figurativi eccetto come detto nel precedente articolo di quelli per disoccupazione e malattia). Ricomprendiamo anche i contributi versati a titolo di riscatto eventualmente per gli anni di laurea, servizio militare (gratuito e non).

Altrimenti potrete accedere indipendentemente dal compimento dei 59 anni, versando 40 anni di contributi (che poi è la stessa cosa se pensati ad un ragazzo che inizia a lavorare a 18 anni, anche perché se avesse iniziato a lavorare prima avrebbe potuto fruire delle agevolazioni contributive e fiscali previste per i cosiddetti lavoratori precoci.

Al momento della richiesta inoltre il titolare di partita Iva non deve essere inquadrato o esercitare un’attività di lavoro subordinato quale lavoratore dipendente per la norma che detta il divieto di cumulo tra pensione e stipendio mensile.

Come dicevamo prima oltre al possesso dei requisiti sarà necessario anche verificare quando andare in pensione dopo aver raggiunto i requisiti.

Per i lavoratori dipendenti si potrà andare in pensione solo dopo il secondo trimestre successivo al giorno in cui sono stati raggiunti i requisiti, mentre per i lavoratori autonomi dovrete attendere tre trimestri.

Confrontate queste finestre con quelle nuove stabilite dalla nuova manovra economica 2010 in quanto si modifica il regime dei periodi di decorrenza per andare in pensione tanto per la pensione di anzianità quanto quella di vecchiaia (comma 2 dell’art. 12 della nuova manovra 2010), oltre alle novità relative  alla totalizzazione dei periodi assicurativi, ai trattamenti di fine servizio dei dipendenti che operano nel settore pubblico, viene introdotto il concesso di speranza di vita che influenzerà, entro limiti prestabiliti, le modalità e la decorrenza di accesso alla pensione, nonché anche l’innalzamento dell’età pensionabile prevista per le donne operanti nel settore pubblico al fine di adeguarle alle disposizioni previste per gli altri paesi della Comunità Europea.

Ovviamente non esiste solo la pensione di anzianità per i lavoratori autonomi ma anche quella di vecchiaia. Nel seguito potrete consultare, nella categoria pensioni gli altri post dedicati alla guida fiscale alla pensione, alle agevolazioni per i datori di lavoro e per i lavoratori dipendenti o anche qualche semplice consiglio dove investire la proprio contribuzione in qualche fondo di previdenza complementare.

9 commenti

  1. sono in possesso di partita IVA da 31 anni,x sei anni sono stata inabile al lavoro,ho percepito la pensione di inabilità, oggi ho 61 anni vorrei andare in pensione dal momento che con un invalidità del 67%non ho più diritto a quella di inabilità quale è la strada che posso intraprendere x ottenerla? GRAZIE

  2. Non mi parli dell’INPS che oggi ci sono passato davanti con 36 gradi all’ombra e appariva un foglio F4 con scritto che parte dell’Ufficio si era spostato; non le dico i commenti sul folgio F4 però ho conservato una foto :-).
    Sono d’accordo con lei ma fa parte della nostra natura quella di sapersi adattare o di scegliere, più imporante la seconda che la prima.

  3. e’ una giungla ingiusta e indecente l’inps non la auguro a nessuno infatti i figli virtuosi di artigiani o commercianti o vanno all’estero a lavorare dopo il diploma o la laurea o si deprimono in italia nessuno a ragion veduta vuol fare il mestiere dei genitori per il semplice motivo che non c’e’ cause globalizzazione e miopia politica se non cecita’ tutti sperano nello stato ma vito come amministrano c’e’ poco da sperare. per noi ci sara’ l’hotel non la pensione ma solo se vinciamo al superenalotto.

  4. ho compiuto 60 anni a novembre 2010 con 36 anni di contributi e sono artigiano quando andro in PENSIONE GRAZIE

  5. salve sono Michele lavoratore autonomo con 39anni e mesi 6 di contributi verati interamente vorrei gentilmente sapere se posso usufruire della legge delle quote nel mio caso avendo compiuto in ottobre 57 anni posso usufruire della quota 96.Grazie della vostra cortese collaborazione vi porgo distinti saluti.

  6. Sono un artigiano e ho 60 anni, data di nascita 23/01/1950. Ho versato regolarmente da Marzo 1975 e ho superato i 35 anni contributivi da Marzo 2010. Quando posso andare in pensione?
    Ringraziandovi, in attesa di una vostra risposta, se possibile.
    Saluti
    Lorenzo

  7. io sono un artigiano e faccio inpianti elettrici civili e industriali non lavoro piu da tre anni o 33 anni di marchette e vorrei saper come fare x chiudere la ditta e usufluire della pensione o 62 anni e possibile andare in pensione prima io che sono un artigiano. grazie sicuro di una vostra risposta mando distinti saluti

  8. Ho 52 anni.ho iniziato a lavorare il 03/07/1973 all eta di 15 anni, un anno di militare,18 anni dipendente 18 da autonomo.faccio parte dei lavoratori precoci? ho qualche agevolazione x andare in pensione? grazie saluti

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.