HOMEPAGE / Leasing Veicoli e Immobili / Auto in leasing (locazione finanziaria autoveicoli)

Auto in leasing (locazione finanziaria autoveicoli)

Il contratto di leasing non ha una disciplina legale specifica in quanto è una fattispecie di contratto atipico che trova la propria natura nel codice civile e nella libertà di porre in essere contratti anche non espressamente disciplinati dal codice civile; tuttavia è possibile trovarne una definizione al’interno dell’art. 17, legge 2 maggio 1976, n. 183, nel quale le operazione di locazioni finanziaria sono definite come quelle operazioni aventi ad oggetto beni mobili o immobili, acquistati o fatti costruire dal locatore, su scelta e indicazione del conduttore che ne assume tutti i rischi, e con la facoltà per quest’ultimo di divenire proprietario dei beni locati al termine della locazione, dietro versamento di un prezzo prestabilito. Ai sensi dell’art. 1323 del Codice Civile “tutti i contratti, ancorché non appartengano ai tipi che hanno una disciplina particolare, sono sottoposti alle norme generali contenute in questo titolo”.

Da sapere in generale sul contratto di leasing

La stessa Corte di Cassazione nella Sent. della n. 3023 del 6 maggio 1986 ha definito la locazione finanziaria come quel contratto “avente per oggetto la disponibilità di un bene per un periodo di tempo determinato, dietro il corrispettivo di un canone periodico fissato in relazione al recupero del prezzo del bene ed al conseguimento di un utile adeguato e tendente ad esaurire le proprie finalità produttive e finanziarie, nell’ambito di quel periodo di tempo la cui scadenza è caratterizzata dal quasi venir meno dell’utilità economica della cosa utilizzata.

Con il contratto di leasing – la società di leasing o Concedente (c.d. Leasse) – concede un credito ad un altro soggetto – l’Utilizzatore (c.d. Lessor) – attraverso il quale il concedente mette a disposizione del primo un bene scelto dall’Utilizzatore ed acquistato dal Concedente, dietro il corrispettivo di un canone periodico e con la facoltà per l’Utilizzatore di decidere, al termine del contratto, tra la restituzione del bene alla società Concedente e l’acquisto del bene dietro pagamento di un prezzo stabilito ex ante (c.d. prezzo di riscatto).

La differenza quindi tra contratto di compravendita con riserva di proprietà e contratto di locazione finanziaria consiste nel fatto che mentre nel primo si acquisisce il diritto di proprietà solo dopo il pagamento dell’ultima rata nella locazione finanziaria si acquista solo la disponibilità del bene e la possibilità di acquistarne in futuro la proprietà dietro il pagamento del prezzo di riscatto.

La finalità del leasing è quella di far acquisire al soggetto utilizzatore (c.d. Lessor) la disponibilità di beni atti a lui necessari senza il pagamento del prezzo dietro il pagamento di un canone di locazione ed uno spread che rappresenterà il margine di profitto della società di leasing (c.d. Leassee) che acquisterà il bene per poi concenderlo in locazione al Lessor.

Gli obblighi del Concedente

L’obbligazione principale a carico del concedente consiste nel mettere a disposizione il bene avente le caratteristiche definite con l’utilizzatore e nei tempi e nei modi stabiliti. Alla luce di quanto detto, può affermarsi che, nel contratto di locazione finanziaria, l’obbligo del Concedente è soltanto quello di pattuire con il fornitore che il bene venga da questi consegnato all’Utilizzatore nei tempi e nei modi stabiliti tra fornitore e Utilizzatore.

Gli obblighi dell’utilizzatore

L’obbligazione dell’utilizzatore consiste nel pagamento dei canoni concordati con il concedente in sede di stipula del contratto, nonché a fare un “buon uso” del bene. A carico dell’utilizzatore l’obbligo di effettuare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Nel caso mancato pagamento anche di una sola rata, il contratto può essere risolto ai sensi dell’art. 1458 del Codice Civile, ossia il Concedente ha il diritto alla restituzione del bene

Articol correlati

Vi segnalo l’articolo dedicato alla garanzia del consumtore nel leasing.

Convenienza tra acquisto auto o in leasing

Vi ricordo tanto per citarne alcuni che esisotno tanti altri articoli dedicati al mondo dell’auto e del fisco dove trovate consigli utili per risparmiare sulle tasse e valutare la scelta migliore tra le diverse configurazioni contrattuali che vi danno la possibilità di disporre del veicolo, come valutare anche la convenienza tra acquisto o leasing dell’auto.

Alternativa al leasing: il noleggio a lungo termine

Oppure potete ricorre all’utilizzo dell’auto con il noleggio a  lungo termine e valutarne anche qui i riflessi fiscali.

Insomma navigando nel sito e tra le diverse parole in celeste scoprite diversi articoli di approfondimento altrimenti sfruttate il motore di ricecra interno al sito per trovare gli argomenti per voi più interessanti.

Trattamento fiscale e deduzione dei costi auto

Se siete dei liberi professionisti vi ricordo inoltre l’articolo dedicato proprio alla deduzione costi auto per i professionisti, in cui trovate una mini guida pratica per capie il trattamento fiscale deduzioni e detrazioni legate al modno dell’auto per i titlari di partita iva.

Vi segnalo poi l’articolo dedicato alla sintesi sul trattamento fiscale Leasing per le auto e gli immobili dei professionisti.

1 commento

  1. ho un leasing con la XXX, che sconsiglio caldamente anche al mio peggior nemico! Comunque, dopo inuumerevoli tentativi di contattarli per avere una proposta, oggi siamo costretti a riconsegnare il veicolo, avendo pagato tutte le rate, e mostrandoci collaborativi per eventuale spese di trasporto. La compagnia di leasing, dal canto suo ci minaccia che siamo costretti a pagare tutte le rate fino alla scadenza del contratto (21000 € che se le avessi gliele avrei date per comprarla!)in più dovremo pagare un perito per la stima dei danni con relati addebito anche solo di un graffio, in più la somma concordata se avessimo voluto acquistarla, alla naturale scadenza del contratto. Io ero informata diversamente, ma, questa minaccia mi preoccupa. Sono consapevole che sarò iscritta alle liste del CRIF, ma vorrei sapere con certezza se ci sono altri costi a me imputabili, quali sono, e dove posso trovare tale legge. Vi ringrazio infinitamente. A proposito, esiste una sorta di sindacato consumatori leasing? Di nuovo grazie, e attendo una Vostra risposta, almeno saprò come muovermi.
    Stefania.

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.