HOMEPAGE / Mutui, Prestiti e Finanziamenti / Tasso di interesse legale o saggio: calcolo e novità

Tasso di interesse legale o saggio: calcolo e novità

Dal primo gennaio 2012 sale il tasso di interesse legale o saggio di interesse che dovrete applicare in ambito legale e fiscale,  ad una serie di situazioni nella vostra vita professionale e/o aziendale come nel caso del ravvedimento operoso o ambito commerciale. Il calcolo del tasso di interesse legale o meglio le modalità restano invariate, quello che varia è la misura del saggio.

Il saggio di interesse legale 2012 dal primo gennaio sale al 2,5% in aumto rispetto al tasso di interesse 2011 che era dell’1,5%.

Cosa cambia con il nuovo tasso di interesse legale 2012
Prima di tutto direi che camia il calcolo del nuovo ravvedimento operoso sui tardivi o omessi versamenti delle imposte in quanto se supponiamo che dovrete versare un’imposta che scadevza nel 2011 e ve ene ricordate oggi dovrete prendere in considearzione il tasso di interesse legale 2011 dell’1,5% dalla scadenza al 31 dicembre 2012 mentre dal primo gennaio 2012 alla data del vostro versamento dovree considerare il nuovo tasso di interesse legale 2012 del 2,5%.

Ma anche supponiamo nei processi di definizione delle liti fiscali o come negli accertamnti con adesione si farà riferimenti all’anno in cui tali accordo sono perfezionati per cui cui rispetto allo scorso anno se avete tardato ad addivenire ad una conclusione potreste avere un costo maggiore.

Il cambio e le conseguenze sui mutui presi a prestito del nuovo tasso di interesse 2012
Purtroppo quando sale il tasso di interesse saliranno molto probabilmente anche le rate del mutuo a tasso variabile.

Nella tabella seguente l’evoluzione dei tassi di interesse degli utlimi anni che come vedrete è diretta conseguenza delle situaizoni di crisi congiunturale che si sono registrate negli anni sia in ambito nazionale sia internazionale.

Da A Tasso interesse legale Disposizione
21/04/1942 15/12/1990 5% ART.1284 (C.c.)
16/12/1990 31/12/1996 10% Legge 26 novembre 1990, n. 353
01/01/1997 31/12/1998 5% Legge 23 dicembre 1996, n. 662
01/01/1999 31/12/2000 2,50% D.M. 10 dicembre 1998
01/01/2001 31/12/2001 3,50% D.M. 11 dicembre 2000
01/01/2002 31/12/2003 3% D.M. 11 dicembre 2001
01/01/2004 31/12/2007 2,50% D.M. 1 dicembre 2003
01/01/2008 31/12/2009 3% D.M. 12 dicembre 2007
01/01/2010 1% D.M. 4 dicembre 2009

Come si calcolano gli interessi legali
Semplice si prende prima di tutto il numero dei giorni che separano la data iniziale dalla data finale (esempio appunto scadenza di un versamento e giorno in cui si intende versare). Poi si prende la somma iniziale si moltiplica per il tasso di interesse vigente nell’anno, si divide per 365 e si moltiplica per il numero dei giorni calcolati sopra.

Discorso a parte invece merita il calcolo degli interessi di mora che si hanno soprattutto in ambito commerciale in caso di debitore moroso e di messa in mora del debitore.

Riferimenti normativi
Il nuovo tasso di interesse è stato introdotto con il Decreto Ministeriale numero 291 del 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.