Nuova proroga per la sospensione dei Mutui 2013

Nuovo accordo per la proroga della presentazione delle domande di sospensione del mutuo grazie all’accordo ABI e associazioni dei consumatori che di fatto rinnovano per un’altra volta l’impegno al sostegno delle famiglie in difficoltà.
I destinatari sono sempre coloro che rispettano i requisiti reddituali e qualitativi visti nel precedente articolo dedicato alla sospensione del mutuo.

Leggete l’articolo deditao alla nuova sospensione dei mutui 2013

L’iniziativa si colloca all’interno del Piano famiglie e da quanto si legge dal comunicato stampa rilasciato il 25 luglio dall’Abi che trovate anche sul sito ufficiale dell’associazione dei bancari italiani ha riscosso il favore di oltre 46.308 mutuatari “per un controvalore di circa 5,5 miliardi di euro garantendo alle famiglie interessate una liquidità complessiva di 339 milioni di euro”.

La proroga per la presentazione della domanda è fissata per il 31 gennaio 2012, semprechè le condizioni siano comunque rispettate massimo entro il 31 dicembre 2011, ossia l’avverarsi delle condizioni di disagio deve essere manifesto già entro la fine del 2011.

Soggetti esclusi dalla nuova proroga
Altra caratteristica di questa proroga è che coloro i quali hanno già fruito della precedente proroga non ne possono fare nuovamente richiesta. In pratica questa proroga è concessa solo a coloro che sono hanno subito la coda (speriamo) della crisi economica.

Per il Futuro
Le risorse messe a disposizione sono sempre quelle all’interno del Fondo Solidarietà anche se da quello che si legge ci potrebbero essere delle novità per i mutui prima casa e per il Fondo di garanzia per l’accesso al credito alle famiglie con nuovi nati.

Resta comunque aperta la possibilità ai mutuatari di confrontarsi con i rispettivi istituti di credito per addivenire a delle soluzioni anche al di là del Piano Famiglie.

Articoli correlati:
Sospensione rata mutuo
Procedente proroga sospensione mutui 2011

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>