HOMEPAGE / Incentivi agevolazioni fiscali / Esenzione Ticket sanitario in gravidanza 2018: Domanda e Chiarimenti sulla Richiesta

Esenzione Ticket sanitario in gravidanza 2018: Domanda e Chiarimenti sulla Richiesta

La domanda di esenzione dal pagamento del ticket sanitario può essere richiesta anche durante il periodo di gravidanza al verificarsi di alcune condizioni e nel rispetto delle modalità di presentazione della richiesta che vediamo nel seguito fornendo alcuni chiarimenti espressi dal Ministero della Salute nel corso del 2017.
L’esenzione sarà accompagnata anche dall’erogazione di alcune prestazioni sanitarie gratuite sia per la donna incinta sia pr l’uomo che dovrebbe aver partecipato al concepimento che forse ad oggi in pochi sapevate di poter richiedere.

Le prestazioni sanitarie esenti durante la gravidanza per la donna sono:

89.26.1 PRIMA VISITA GINECOLOGICA. Incluso: eventuale prelievo citologico, eventuali indicazioni in funzione anticoncezionale o preconcezionale. Non associabile a 89.26.3 PRIMA VISITA OSTETRICA
90.49.3 ANTICORPI ANTI ERITROCITI [Test di Coombs indiretto] 91.26.D  VIRUS ROSOLIA IgG e IgM per sospetta infezione acuta. Incluso: Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie
91.26.E  VIRUS ROSOLIA ANTICORPI IgG per controllo stato immunitario
90.62.2 EMOCROMO: ESAME CITOMETRICO E CONTEGGIO LEUCOCITARIO DIFFERENZIALE Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV. Compreso eventuale controllo microscopico
90.66.7 Hb – EMOGLOBINE. Dosaggio frazioni (HbA2, HbF, Hb Anomale)
91.38.5 ES. CITOLOGICO CERVICO VAGINALE [PAP test convenzionale](1) 91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO

(1) Se non effettuato nei tre anni precedenti nella fascia d’età dello screening (>25 anni)

Le prestazioni sanitarie esenti durante la gravidanza per l’uomo sono:

In caso di donna (partner) eterozigote per emoglobinopatie:

90.62.2 EMOCROMO: ESAME CITOMETRICO E CONTEGGIO LEUCOCITARIO DIFFERENZIALE Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV. Compreso eventuale controllo microscopico
90.66.7 Hb – EMOGLOBINE. Dosaggio frazioni (HbA2, HbF, Hb Anomale). 91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO

Le prestazioni sanitarie esenti per la coppia durante la gravidanza per l’uomo sono:

91.23.7 VIRUS IMMUNODEFICENZA ACQUISITA [HIV 1-2]. TEST COMBINATO ANTICORPI E ANTIGENE P24. Incluso: eventuale Immunoblotting. Non associabile a 91.13.2 Virus Anticorpi Immunoblotting (Saggio di conferma) NAS.
90.65.3 GRUPPO SANGUIGNO ABO (Agglutinogeni e Agglutinine) e Rh (D)
91.10.B TREPONEMA PALLIDUM. Sierologia della sifilide. Anticorpi EIA/CLIA e/o TPHA [TPPA] più VDRL [RPR]. Incluso: eventuale titolazione. Incluso: eventuale Immunoblotting.
91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO

Dopo due aborti consecutivi o pregresse patologie della gravidanza con morte perinatale, o anamnesi familiare positiva per patologie ereditarie, su prescrizione dello specialista ginecologo o genetista medico:

89.7B.1 PRIMA VISITA DI GENETICA MEDICA. Visita specialistica genetica con esame obiettivo e valutazione della documentazione clinica recente e remota. Incluso: primo colloquio, anamnesi personale e familiare, costruzione di un albero genealogico familiare nei rami paterno e materno per almeno 3 generazioni. Consultazione della letteratura scientifica e di database di genetica clinica specifici. Formulazione dell’ipotesi diagnostica. Scelta del test genetico appropriato. Spiegazione vantaggi e limiti del test genetico e somministrazione consensi informati. Scrittura della relazione. Escluso: Visita multidisciplinare 89.07
G2.01 ANALISI CITOGENETICA POSTNATALE. Analisi del cariotipo. Incluso: coltura di linfociti con mitogeni, colorazioni differenziali ed eventuale analisi per mosaicismo
88.78.2 ECOGRAFIA GINECOLOGICA con sonda transvaginale o addominale (2). Incluso: eventuale Ecocolordoppler. Non associabile a 88.75.1 e 88.76.1
68.12.1 ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA CON O SENZA BIOPSIA DELL’ENDOMETRIO
68.16.1 BIOPSIA ENDOMETRIALE Non associabile a 68.12.1
90.46.5 LUPUS ANTICOAGULANT (LAC)
90.47.5 ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA [IgG, IgM ed eventuali IgA] 90.51.4  ANTICORPI ANTI TIREOPEROSSIDASI (AbTPO) Non prescrivibile in caso di positività già accertatO
90.51.5  ANTICORPI ANTI MICROSOMI EPATICI E RENALI (LKMA)
90.54.4 ANTICORPI ANTI TIREOGLOBULINA (AbTg) 91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO

(2) Lo standard tecnico è rappresentato dalle sonde endovaginali ad alta frequenza (5 MHz). La via transaddominale è limitata ai fini integrativi o in caso di impossibilità di accesso per via vaginale.

Dove presentare la domanda per l’esenzione

Il rilascio dell’esenzione è più facile di quello che si possa credere in quanto non è richiesto alcun certificato se non quello di gravidanza; l’esenzione opererà contestualmente alla richiesta del singolo esame specifico. Sarà necessario però richiedere al medico curante l’applicazione sulla ricetta o prescrizione l’apposizione dei codici sopra descritti. La prescrizione può essere effettuata sia dal medico di medicina generale sia dallo specialista pubblico, sia da quello pesante nei consultori.
Alcune regioni tuttavia sembrerebbero aver introdotto un vero e proprio certificato di gravidanza che attestandone lo stato particolare attribuisce direttamente l’esenzione dal ticket al momento della fruizione della richiesta della prestazione medica.

Non esistono inoltre vincoli o limiti di reddito al di sopra dei quali non è prevista l’esenzione.

Altre prestazioni mediche gratuite

Sono gratuite anche tutte le prestazioni medico sanitarie per accertare un rischio della gravidanza o procreativo correlato a una malattia o un rischio genetico in uno o entrambi i genitori, evidenziati dalla storia clinica o familiare della coppia.

Nel corso della gravidanza si ha diritto:

  • alle visite periodiche ostetrico-ginecologiche;
  • ai corsi di accompagnamento alla nascita (training prenatale);
  • all’assistenza al puerperio;
  • alle prestazioni indicate nell’allegato 10 – Sezione B al DPCM 12 gennaio 2017.

Prestazioni di cui alla sezione B dell’allegato 10

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER IL CONTROLLO DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO

All’inizio della gravidanza, possibilmente nel PRIMO TRIMESTRE (entro 13 settimane+6 gg.), e comunque al primo controllo:

89.26.3 PRIMA VISITA OSTETRICA. Incluso eventuale prelievo citologico. Non associabile a 89.26.1 PRIMA VISITA GINECOLOGICA
90.62.2 EMOCROMO: ESAME CITOMETRICO E CONTEGGIO LEUCOCITARIO DIFFERENZIALE Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV. Compreso eventuale controllo microscopico
90.66.7 Hb – EMOGLOBINE. Dosaggio frazioni (HbA2, HbF, Hb Anomale).

Qualora non eseguito in funzione preconcezionale.

90.65.3 GRUPPO SANGUIGNO AB0 (Agglutinogeni e Agglutinine) e Rh (D)
Qualora non eseguito in funzione preconcezionale
90.49.3 ANTICORPI ANTI ERITROCITI [Test di Coombs indiretto]

Da ripetere a tutte le donne a 28 settimane

90.27.1 GLUCOSIO (3)
91.26.D  VIRUS ROSOLIA IgG e IgM per sospetta infezione acuta. Incluso: Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie

Da ripetere entro la 17^ settimana in caso di negatività

91.26.E  VIRUS ROSOLIA ANTICORPI IgG per controllo stato immunitario

Da ripetere entro la 17^ settimana in caso di negatività

91.09.D TOXOPLASMA ANTICORPI IgG e IgM. Incluso Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie. Incluso eventuali IgA e Immunoblotting

Da ripetere ogni 4-6 settimane in caso di negatività

91.10.B TREPONEMA PALLIDUM. Sierologia della sifilide. Anticorpi EIA/CLIA e/o TPHA [TPPA] più VDRL [RPR]. Incluso eventuale titolazione. Incluso: eventuale Immunoblotting.
91.23.F VIRUS IMMUNODEFICENZA ACQUISITA [HIV 1-2] .TEST COMBINATO ANTICORPI E ANTIGENE P24. Incluso: eventuale Immunoblotting. Non associabile a 91.13.2 Virus Anticorpi Immunoblotting (Saggio di conferma) NAS.

Qualora non eseguito nei tre mesi precedenti

90.44.3 URINE ESAME COMPLETO. Incluso: sedimento urinario
18-3-2017 Supplemento ordinario n. 15 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale – n. 65
90.94.2 ESAME COLTURALE DELL’ URINA [URINOCOLTURA]. Ricerca batteri e lieviti patogeni. Incluso conta batterica. Se positivo, incluso identificazione e antibiogramma
90.88.J CHLAMYDIA TRACHOMATIS ANTICORPI IgG e IgM. Incluso IgA se IgM negative

In caso di fattori di rischio riconosciuti (1)

91.03.5 NEISSERIA GONORRHOEAE IN MATERIALI BIOLOGICI VARI ESAME COLTURALE. Se positivo, incluso identificazione ed eventuale antibiogramma
In caso di fattori di rischio riconosciuti (3)
91.19.5 VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI. Incluso eventuale Immunoblotting. Non associabile a 91.13.2 Virus Anticorpi Immunoblotting (Saggio di conferma) NAS.
In caso di fattori di rischio riconosciuti (3)
91.20.2 VIRUS EPATITE C [HCV] TIPIZZAZIONE GENOMICA. Incluso, estrazione, retrotrascrizione, amplificazione, ibridazione inversa o sequenziamento

Solo in caso di HCV positivo

88.78 ECOGRAFIA OSTETRICA
R 90.17.6

Da eseguire nel primo trimestre, per determinare l’età gestazionale

HCG FRAZIONE LIBERA E PAPP-A. Da eseguire solo in associazione con 88.78.4 “ECOGRAFIA OSTETRICA PER STUDIO DELLA TRASLUCENZA NUCALE. Incluso: consulenza pre e post test combinato (1° trimestre)
88.78.4 ECOGRAFIA OSTETRICA PER STUDIO DELLA TRASLUCENZA NUCALE. Incluso: consulenza pre e post test combinato.

Da eseguire esclusivamente tra 11 settimane + 0 gg e 13 settimane +6 gg

91.38.5 ES. CITOLOGICO CERVICO VAGINALE [PAP test convenzionale]

Qualora non effettuato nell’ambito dei programmi di screening

91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO
(3) secondo Linee Guida sulla Gravidanza fisiologica, aggiornamento 2011

Nel SECONDO TRIMESTRE:

da 14 settimane + 0gg. a 18 settimane + 6gg.:

90.17.8 TRI TEST PER AFP, HCG TOTALE O FRAZIONE LIBERA, E3. DETERMINAZIONI DI RISCHIO PRENATALE PER ANOMALIE CROMOSOMICHE E DIFETTI DEL TUBO NEURALE (2° trimestre)
18-3-2017 Supplemento ordinario n. 15 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale – n. 65
90.26.5 GLUCOSIO Dosaggio seriale dopo carico (da 2 a 4 determinazioni). Inclusa Determinazione del Glucosio basale 90.27.1
Con 75 g di Glucosio (OGTT 75 g) e solo in presenza di fattori di rischio (3)
91.26.D VIRUS ROSOLIA IgG e IgM per sospetta infezione acuta. Incluso: Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie
91.09.D TOXOPLASMA ANTICORPI IgG e IgM. Incluso Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie. Incluso eventuali IgA e Immunoblotting In caso di sieronegatività
91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO
(3) secondo Linee Guida sulla Gravidanza fisiologica, aggiornamento 2011 da 19 settimane + 0gg a 23 settimane + 6gg :

da 24 settimane + 0gg a 27 settimane + 6gg

91.09.D TOXOPLASMA ANTICORPI IgG e IgM. Incluso Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie. Incluso eventuali IgA e Immunoblotting In caso di sieronegatività
88.78.3 ECOGRAFIA OSTETRICA MORFOLOGICA. Non associabile a 88.75.1 ECOGRAFIA DELL’ADDOME INFERIORE. Non associabile a 88.78 da eseguire tra 19 settimane + 0 e 21 settimane + 0
91.09.D TOXOPLASMA ANTICORPI IgG e IgM. Incluso Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie. Incluso eventuali IgA e Immunoblotting In caso di sieronegatività
90.26.5 GLUCOSIO Dosaggio seriale dopo carico (da 2 a 4 determinazioni). Inclusa Determinazione del Glucosio basale 90.27.1 (1)
Con 75 g di Glucosio (OGTT 75 g) e solo in presenza di fattori di rischio (3)
90.44.3 URINE ESAME COMPLETO. Incluso: sedimento urinario
90.94.2 ESAME COLTURALE DELL’URINA [URINOCOLTURA]. Ricerca batteri e lieviti patogeni. Incluso conta batterica. Se positivo, incluso identificazione e antibiogramma

In caso di batteriuria o leucocituria significativa e/o altri indici di infezione urinaria

91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO
(3) secondo Linee Guida sulla Gravidanza fisiologica, aggiornamento 2011

Nel TERZO TRIMESTRE:

da 28 settimane + 0gg. a 32 settimane + 6gg.:

90.62.2 EMOCROMO: ESAME CITOMETRICO E CONTEGGIO LEUCOCITARIO DIFFERENZIALE Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV. Compreso eventuale controllo microscopico

90.49.3 ANTICORPI ANTI ERITROCITI [Test di Coombs indiretto]

91.09.D TOXOPLASMA ANTICORPI IgG e IgM. Incluso Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie. Incluso eventuali IgA e Immunoblotting
In caso di sieronegatività
88.78 ECOGRAFIA OSTETRICA.
Solo in caso di patologia fetale e/o annessiale o materna

91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO

da 33 settimane + 0 gg. a 37 settimane + 6gg.:

90.62.2 EMOCROMO: ESAME CITOMETRICO E CONTEGGIO
LEUCOCITARIO DIFFERENZIALE Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV. Compreso eventuale controllo microscopico
91.09.D TOXOPLASMA ANTICORPI IgG e IgM. Incluso Test di Avidità delle IgG se IgG positive e IgM positive o dubbie. Incluso eventuali IgA e Immunoblotting
In caso di sieronegatività
91.18.6 VIRUS HBV [HBV] REFLEX. ANTIGENE HBsAg + ANTICORPI anti HBsAg + ANTICORPI anti HBcAg]. Incluso ANTICORPI anti HBcAg IgM se HBsAg e anti HBcAg positivi. Incluso ANTIGENE HBeAg se HBsAg positivo. Incluso ANTICORPI anti HBeAg se HBeAg negativo
91.10.B TREPONEMA PALLIDUM. Sierologia della sifilide. Anticorpi EIA/CLIA e/o TPHA [TPPA] più VDRL [RPR] incluso eventuale titolazione. Incluso eventuale Immunoblotting.
91.23.F VIRUS IMMUNODEFICENZA ACQUISITA [HIV 1-2] .TEST COMBINATO ANTICORPI E ANTIGENE P24 incluso eventuale Immunoblotting. Non associabile a 91.13.2 Virus Anticorpi Immunoblotting (Saggio di conferma) NAS.
90.44.3 URINE ESAME COMPLETO. Incluso: sedimento urinario (3)
90.94.2 ESAME COLTURALE DELL’ URINA [URINOCOLTURA]. Ricerca batteri e lieviti patogeni. Incluso conta batterica. Se positivo, incluso identificazione e antibiogramma
in caso di batteriuria o leucocituria significativa e/o altri indici di infezione urinaria
91.08.4 STREPTOCOCCO BETA-EMOLITICO GRUPPO B

Raccomandato a 36-37 settimane

91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO
(3) secondo Linee Guida sulla Gravidanza fisiologica, aggiornamento 2011 da 41 settimane + 0gg.:
Per le donne che si presentano dopo la 13° settimana sono escluse dalla partecipazione al costo sia le prestazioni specialistiche relative alle precedenti fasi di gestazione, quando appropriate, sia quelle relative alla settimana di gestazione in corso.
88.78 ECOGRAFIA OSTETRICA
per valutazione quantitativa del liquido amniotico
75.34.1 CARDIOTOCOGRAFIA ESTERNA

In caso di minaccia d’aborto, sono gratuite anche tutte le prestazioni specialistiche ambulatoriali necessarie per il monitoraggio della gravidanza e, in caso di condizioni patologiche che comportano un rischio per la madre o per il feto sono gratuite, altresì, tutte le prestazioni specialistiche necessarie al monitoraggio della condizione patologica:
le prestazioni necessarie ed appropriate per la diagnosi prenatale invasiva in gravidanza, nelle specifiche condizioni di rischio per il feto indicate nell’allegato 10 – Sezione C al DPCM 12 gennaio 2017.

Prestazioni di cui alla sezione C dell’allegato 10

CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA DIAGNOSI PRENATALE INVASIVA, IN ESCLUSIONE DALLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE AL COSTO

L’accesso alla diagnosi prenatale ha due principali gruppi di indicazione, che riguardano situazioni nelle quali il rischio di patologia fetale è aumentato al di sopra dei livelli medi della popolazione generale:

1) Rischio procreativo prevedibile a priori in quanto correlato ad una condizione biologica- genetica presente in uno o in entrambi i genitori o nella famiglia, da valutare in sede di consulenza genetica

2) Rischio rilevato in corso di gravidanza: difetti fetali evidenziati mediante ecografia alterazione di parametri biochimici/molecolari rilevati con sistemi validati ed erogati presso strutture appositamente individuate dalle regioni, predittivi di patologie fetali e/o cromosomiche/geniche, patologie infettive a rischio fetale.

Le condizioni per le quali è previsto l’accesso alla diagnosi prenatale invasiva sono:

1) Per le indagine citogenetiche:

  •  probabilità di trisomia 21, o di altre anomalie cromosomiche 1/300 al momento del test per la valutazione del rischio nel primo trimestre (o 1/250 in caso di test nel secondo trimestre) calcolata secondo i metodi indicati dalle Regioni tra quelli basati sulla età materna in combinazione con altri parametri ecografici fetali e/o di laboratorio. Tale calcolo dovrà essere effettuato utilizzando specifici protocolli nell’ambito di programmi che garantiscano uniformità di accesso in tutto il territorio regionale, in Centri individuati dalle singole regioni e sottoposti a verifica continua della qualità. L’opzione da parte delle Regioni deve essere orientata all’adozione di metodi di calcolo del rischio con una maggiore sensibilità diagnostica e un minor numero di falsi positivi tenuto conto dell’evoluzione della ricerca scientifica e tecnologica.
  •  genitori con precedente figlio affetto da patologia cromosomica
  •  genitore portatore di riarrangimento strutturale bilanciato dei cromosomi
  •  genitore con aneuploidia cromosomica omogenea o in mosaico
  •  anomalie fetali/della gravidanza evidenziate mediante ecografia

2) Per le indagini genetiche:

  •  genitore eterozigote per una patologia/mutazione autosomica dominante,
  •  genitori entrambi eterozigoti per mutazioni geniche correlate a patologie autosomicherecessive,
  •  madre eterozigote per mutazioni recessive legate all’X,
  •  madre portatrice di mutazione mitocondriale;
  •  segni ecografici feto-annessiali indicativi di specifiche patologie geniche altre condizioni di possibile rischio correlate alla storia familiare, da verificare in sede di consulenza genetica.

3) Per le indagini infettivologiche:

condizione di rischio fetale determinato sulla base di una accertata infezione materna e/o di segni rilevati all’ecografia potenzialmente associati a patologie infettive.
E’, tuttavia, necessaria la prescrizione del medico genetista o dello specialista pubblico nei seguenti casi:

  • prestazioni rese in funzione preconcezionale dopo due aborti consecutivi o pregresse patologie della gravidanza con morte perinatale o anamnesi familiare positiva per patologie ereditarie (medico genetista o specialista pubblico)
  • prestazioni ulteriori rese in funzione preconcezionale dirette ad accertare eventuali difetti genetici (medico genetista o specialista pubblico)
  • prestazioni ulteriori rese nel corso della gravidanza in presenza di condizioni patologiche della donna che comportino un rischio materno o fetale (specialista pubblico)
  • prestazioni necessarie ed appropriate per la diagnosi prenatale invasiva in gravidanza, nelle specifiche condizioni di rischio per il feto indicate nell’allegato 10 – Sezione C (medico genetista o specialista pubblico) al DPCM 12 gennaio 2017.

Riferimenti normativi

DPCM 12 gennaio 2017

Altri casi di esenzione e dal Ticket sanitario 2017

Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 4]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.