HOMEPAGE / Finanziaria Manovra DL / Mille proroghe 2012 con la sintesi delle novità più importanti

Mille proroghe 2012 con la sintesi delle novità più importanti

Il decreto milleproroghe o 1000 proroghe porta con sé una serie di novità che hanno ad oggetto partite iva, lavoro, pensioni, ammortizzatori sociali, 770, sistri,  anche il chiarimento delle modalità di applicazione della nuova tassazione sulle rendite finanziarie al 20%

Proroga per la chiusura delle partite Iva che finora, anche se i dati ancora non sono noti, non avrebbe riscosso molto successo e ricordiamo che è una buona occasione per cessare le attività e le partite Iva con una sanzione minima la cui scadenza viene posticipata. Tale previsione potrebbe anche aiutare a risparmiare tempo e lavoro all’amministrazione finanziaria. Si potrebbe prevedere tuttavia una chiusura di ufficio allo scadere di un determinato periodo.

Si interviene anche in materia di riscossione dei tributi disciplinando una ulteriore proroga per la presentazione delle inesigibilità dei ruoli

Slitta il 770 mensile
Il famoso 770 mensile slitta ancora una volta di un paio di anni e fino al 2014 questa volta per la gioia di molti che potranno non combattere con ritenute d’acconto, fiscali, da parte dei sostituti di imposta. (leggi l’articolo di approfondimetno sul nuovo 770 mensile)

Patrimonio immobiliare pubblico e dismissioni
La comunicazione della ruralità dei fabbricati o della variazione sarà accolta anche oltre il 30 settembre 2011, ma entro e non oltre il 31 marzo 2012. Dismissione del patrimonio pubblico posticipate al 31 dicembre 2012 relativamente agli immobili della difesa.

Novità nel bingo e nel poker sportivo
Slitterebbe anche a fine anno 2012 il termine entro cui introdurr nel bongo una differente ripartizione trai montepremi prelievo erariale e compenso dell’affidatario oltreché prevedere la predisposizione di un bando di gare per la concessione all’esercizio del poker sportivo, ippica e altri giochi sportivi per nove anni.

Slitta anche il termine per la delibera di eventuali incrementi nelle l’aumento o la diminuzione dell’aliquota dell’addizionale regionale all’IRPEF;

Regione Abruzzo e comuni colpiti da calamità naturali
Continua anche l’opera di finanziamento della ricostruzione della regione abbruzzo colpita da sisma attraverso una serie di investimenti immobiliari degli enti previdenziali. Vengono recepiti le doglianze presentate dai comuni colpiti dai disastri di la Spezia, Massa Carrara e Genova che si vedono posticipare i pagamenti tributari in scadenza entro il 31 dicembre 2011 al 16 luglio 2012 mentre per il perdurare della crisi economica vengono ancora di un anno posticipate le esecuzioni di sfratto immobiliare per le unità locali

Novità e proroghe per le assunzioni nel pubblico
Nonostante la crisi ed i moniti alle assunzioni nel pubblico che molto spesso attirano l’attenzione da parti di tanti malpensanti è stato prorogato il termine entro cui le pubbliche amministrazioni possono assumere personale a tempo indeterminato nell’ambito dei limiti previsti per il turn over fino al  31 dicembre 2012 anche per le università statali

Inoltre slitta ancora di 7 mesi ossia fino al 31 luglio 2012 il termine entro cui comunicare il patrimonio immobiliare da parte delle amministrazioni pubbliche.

Novità e proroghe sul lavoro e pensioni
Proroga degli ammortizzatori sociali anche per il 2012 come per esempio sulla tutela del reddito per i lavoratori a progetto, apprendisti, e quelli ch percepiscono una indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali e con requisiti ridotti Il vecchio sistema retributivo varrà per i dipendenti in esodo i quali lo adottavano ed hanno cessato la propria attività prima del 31 dicembre 2011. Il requisito anagrafico per accedere alla pensione dei 62 anni minimo sarà sospeso fino al 2017. Il finanziamento avverrà attraverso un aumento dei costi delle sigarette

Novità e proroghe nella sanità
Tra le proroghe nel settore della sanità invece si rileva la proroga il termine entro il quale le regioni e le province autonome assumono le più idonee iniziative volte ad assicurare gli interventi di ristrutturazione edilizia ai fini dell’esercizio dell’attività libero-professionale intramuraria, i termini in materia di adesione al sistema pay back sui farmaci

TAXI e trasporti
Novità anche nei trasporto che assistono a modifiche o proroghe non solo sul versante dei Taxi e dei servizi NCC ossia di noleggio con il conducente. Per i taxi si attenderà un decreto ministriale ad hoc.

Slitta il SITRI sui rifiuti
Slitta ancora il sistri ossia il sistema di tracciabilità dei rifiuti che sul versante ambientale darebbe fastidio a molti e slitta anche l’esclusione dall’obbligo di iscrizione al Sistri per alcuni imprenditori agricoli come anche la durata della fase transitoria durante la quale le sole attività di raccolta, di “spazzamento e di trasporto dei rifiuti e di smaltimento o recupero inerenti alla raccolta differenziata continuano ad essere gestite secondo le attuali modalità da parte dei comuni e slitta anche l’entrata in vigore del divieto di smaltimento in discarica dei rifiuti con PCI (Potere calorifico inferiore) superiore a 13.000 kJ/Kg, il divieto di vendita a Paesi extra UE di pitture, vernici e prodotti per carrozzeria con limiti di composti organici volatili (COV) superiori a quelli previsti nell’allegato II del D.Lgs. 161/2006”.

Sfuma per il momento anche il sogno di vedere realizzata l’armonizzazioni dei sistemi contabili e quindi che rende comprabili i dati di bilancio e performance delle delle amministrazioni pubbliche diverse dagli enti territoriali e dagli enti del servizio sanitario nazionale.

Nel settore del mediocredito inoltre sono prorogate le convenzioni con il Mediocredito centrale per la copertura dei rischi derivanti dalle operazioni di credito a medio termine fino alla piena operatività del Fondo centrale di garanzia, e comunque non oltre due anni dalla data di entrata in vigore del presente decreto-legge.

Per finire s proroga la partecipazione dell’Italia al Fondo monetario internazionale per fronteggiare gravi crisi finanziarie dei Paesi aderenti, portando la nostra linea di credito a 23 miliardi e 480 milioni di euro.

Vi ricordo sempre di leggere il testo definitivo della norma per evitare modifiche o incomprensioni che necessitano sempre di un approfondimetno e molto spesso di un coordinamento con altre norme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.