HOMEPAGE / Finanziaria Manovra DL / Maxiemendamento al decreto milleproroghe 2011: le novità in sintesi

Maxiemendamento al decreto milleproroghe 2011: le novità in sintesi

Il maxiemendamento 2011 al mille proroghe il porta con sé una serie di novità tra cui possiamo citare prima di tutto la possibilità delle banche di sospendere i mutui ipotecari per l’acquisto di abitazioni senza dover espletare  alcuna formalità aggiuntiva o costi aggiuntivi in quanto si afferma che le garanzie alla base del contratto di finanziamento continuano ad espletare i loro effetti e a coprire il mutuatario anche in caso di sospensione (così come, ma con modalità diverse, per la proroga della sospensione dei mutui delle PMI 2011) i termini per l’impugnazione del licenziamento dei lavoratori a contratto determinato che slitta dal 24 gennaio 2011 al 31 dicembre 2011.

Slitta la conciliazione ossia l’entrata in vigore della famosa conciliazione giudiziale al 20 marzo 2012 di cui ci siamo occupati poco e che è argomento di disputa tra avvocati e commercialisti così il wifi della PA slitta al 31 marzo 2012.

Ulteriore proroga concessa a coloro che hanno già beneficiato in passato della rateizzazione delle somme iscritte e  ruolo (debiti tributari)  e che ora potranno richiedere una ulteriore differimento con la concessione della parte residua anche per altre 72 rate anche se è da chiarire se dovrà essere rideterminato ex novo anche il piano di ammortamento delle rate sul residuo oppure no in quanto potrebbe avere un impatto sugli interessi passivi che maturano dalle due opzioni alternative.

La carta acquisti di cui avete potuto leggere gli articoli dedicati ritorna in pista con il maxiemendamento e che sarà indirizzata alle famiglie disagiate secondo modalità che saranno stabilite da un decreto successivo del ministero del lavoro per capire i requisiti per richiederla se cambieranno rispetto alla precedente.

Sul fronte della TARSU – TIA invece intravediamo un rischio concreto di aumento delle tasse e delle aliquote applicate in quanto viene concessa ai comuni la possibilità di farlo se versano in stato di emergenza come successo in Campania.

Per i terremotati dell’Abruzzo ulteriore proroga nella possibilità di sospendere i pagamenti delle imposte e e gli adempimenti fiscali fino al 31 dicembre 2011, come slittano anche i pagamenti delle multe sulle quote latte.

Stretta sui fondi concessi ai porti che dovranno aprire i bandi per l’assegnazione delle risorse entro 15 marzo 2011 pena la perdita del beneficio.

Sul fronte degli insegnanti invece proroga nelle graduatoria 2007 fino ad agosto 2012 ed altre novità.

Slittano anche gli obblighi di denuncia al catasto delle case fantasma fino al 30 aprile 2011 con il modello 69 e cdc.

Quello che proprio non va giù è l’aumento del prezzo del biglietto del cinema di un euro che, parametrato al costo del biglietto diventa del 15%  dal primo luglio 2011 al 31 dicembre al fine di agevolare le agevolazioni fiscali del settore cinematografico.

Respiro per le ordinanze di demolizioni fino al 31 dicembre 2011 delle abitazioni laddove queste siano adibite ad abitazione principale  ed abbiano solo quella come casa e che non siano dichiarata inagibili dal comune o la protezione civile così come sono sospesi i provvedimenti di sfratto al soddisfacimento di requisiti soggettivi e reddituali dei destinatari.

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.