HOMEPAGE / Finanziaria Manovra DL / Nuovo decreto Omnibus 2011

Nuovo decreto Omnibus 2011

Il Nuovo Decreto Omnibus 2011 approvato ieri dalla Camera dei deputati con il DL n. 34 del 2011 introduce una serie di novità nel campo delle telecomunicazioni, nel settore energetico ed in particolare nel settore nucleare oltrechè prevedere misure volte a combattere l’urgenza di risanamento per le zone di Pompei, introdurre norme antiscalata per difendere la quasi perfezionata acquisizione della Parmalat da parte di Lactalis, la possibilità da parte della cassa depositi e prestiti di acquisizione di partecipazioni strategiche di imprese private; il nuovo decreto omnibus 2011 alimenterà se non inasprirà il dibattito politico dei prossimi giorni in quanto introduce una serie di articoli volti ad intervenire su materie giuridiche oggetto del prossimo referendum del 12 e 13 giugno.

Per quello che concerne la materia oggetto di referendum l’articolo 5 del nuovo Decreto Omnibus dispone la cancellazione di una serie di disposizioni del quadriennio 2008/2011 tra cui il programma in materia di impianti di produzione di energia nucleare ed è integralmente riformulata la norma sulla strategia energetica nazionale. Questa previsione è particolare in quanto potrebbe far venire meno il presupposto sul quale si base il referendum in quanto le normative interessate dal referendum sarebbero di fatto già oggetto di aggiornamento.

Altro aspetto economico è sicuramente l’articolo 7 che attribuisce alla cassa dei Depositi e Prestiti un ruolo più potente all’interno del contesto societario del Paese in quanto potrà in base all’articolo 7 acquistare partecipazioni in società di rilevante interesse nazionale anche attraverso altre società o anche fondi di investimento partecipati dalla stessa.

Le società oggetto di acquisizione dovranno tuttavia dimostrare di essere solide matrimonialmente e avere una redditività prospettica futura adeguata. Insomma non siamo in presenza di una cassa che deve svolgere il ruolo di sostentamento ad economie malate ma può fornire assistenza laddove questa sia avvalorata da prospettive di redditività. L’Articolo 1 stanzia 236 milioni destinati alla cultura e allo spettacolo, manutenzione e alla conservazione dei beni culturali ed istituti culturali e al Fondo unico per lo spettacolo.

Da segnalare l’abrogazione di quella previsione del DL n.225 del 2010 che aveva introdotto il contributo di un euro sui biglietti del cinema fino alla fine del 2013.
Introdotto anche un programma di risanamento del patrimonio artistico ed archeologico di Pompei con lo stanziamento di risorse appositamente destinate ad interventi straordinari con impiego di nuovi dipendenti e utilizzando i fondi del FAS.

Previste anche le previsioni di una norma antiscalata finalizzata anche alla difesa delle grandi imprse dalle scalate estere, un esempio su tutti l’acquisizione da parte del gruppo francese Lactalis del gioiellino Parmalat.
Ci sono anche altri punti di approfondire e che potrete trovare sul sito della camera dei deputati.

Il Decreto si pone in linea con le previsione della comunità Europea nel settore delle telecmunicazioni ma sprattutto recepisce l’esigenza avvertita nei mesi scorsi a seguito degli eventi calamitsi che hanno caratterizzato il patrimonio archeologico italiano.

Quello che stupisce e che alimenterà ancora più il dibattito è a mio parere l’articolo 5 sul Nucleare che se da un lato potrebbe scongiurare la paura del referendum per la maggioranza dall’altra potrebbe essere percepito come una misura volta a delegittimare l’attività referendaria avviata dall’opposizione ed espressione di un diritto sancito dalla Costituzione.
L’iter applicativo prevederà l’entrata in vigore dal giorno successivo a quello di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Il 25 maggio 2011 il Decreto Omnibus è divenuto Legge ed entra pertanto in vigore.

Articoli di approfondimento:
Manovra Finanziaria, Decreti Legge, DL

Elenco ultime Finanziarie

Nuovo Decreto Sviluppo 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.