HOMEPAGE / Finanziaria Manovra DL / Partita Iva Chiusura e Manovra Economica 2012 – 2014: scadenza e come si chiude veramente

Partita Iva Chiusura e Manovra Economica 2012 – 2014: scadenza e come si chiude veramente

Con la Nuova Manovra economica 2011 per introdurre le misure urgenti per la stabilizzazione economica viene anche introdotto il comma relativo alla chiusura delle partite Iva dormienti ed inattive perchè ferme da 3 anni consecutivi e contro cui il legislatore ha iniziato in passato la battaglia volta al risparmio dei costi amministrativi ad essa connesse.

Quanto tempo ho per chiudere la partita Iva

Il legislatore ha presentato una bozza che prevede l’obbligo della chiusura della partita Iva o detto in altri termini la revoca all’attribuzione della partita Iva entro i prossimi tre anni di tempo ha riscontrato che vi erano ancora un numero copioso di partite Iva da chiudere il che determinava un inutile costo per lo stato.
A tale fine è stato introdotto nella Manovra economica la disposizione riguardante l’obbligo della chiusura al verificarsi di una condizione, ossia dichiarazione Iva per tre annualità consecutive. Va da sé che potrebbe verificarsi il caso in cui il soggetto svolge attività libero professionale compilando il quadro relativo ai redditi o compilando solo la dichiarazione Irpef ed Irap, pertanto continuando ad esercitare de facto la propria attività ma ometta la dichiarazione Iva.

Il procedimento di revoca è immediato in quanto avviene d’ufficio, pertanto possiamo immaginarci che sia applicata una proceduta che prevede dopo lo spirare dei termini per l’invio della terza dichiarazione dei redditi consecutiva: decorso il termine di scadenza per la dichiarazione tardiva che risulta essere quello di 30 giorni dalla data naturale scadenza dell’invio telematico della terza dichiarazione dei redditi consecutivamente si applicherà tale previsione.

Procedimento di chiusura della partita Iva di urgenza con sanzione minima: sanzioni minime entro 90 giorni
Qualora entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della nuova manovra economica 2012 2014 non si sia provveduto alla compilazione del modulo per la cessazione dell’attività e non sia stato notificato al contribuente nessun atto avente ad oggetto tale violazione sarà possibile per lui sanare la violazione con l’applicazione delle sanzioni minime previste dal D.Lgs n.471 del 1997, art. 5, comma 6, primo periodo ridotta ad un quarto ossia 129 euro.

Come faccio a chiudere la partita Iva

In generale comunque il processo di chiusura della partita iva è un normale adempimento che caratterizza coloroc he si trovano a chiudere la propria posizione anche solo perchè si aprono una società e cambiano di fatto veste giuridica alla propria attività.La Manovra è intervenuta più che altro per fare pulizia sul pregrssso e partite inattive che intasavano i server e la gestione amminstrativa dell’agenzia delle entrate.

Per la chiusura della partita Iva, al pari dell’apertura sarà necessaria la compilazione di un modulo da presentare all’agenzia delle entrate o da inviare telematicamente con l’ausilio di un intermediario autorizzato chiamato modulo AA9/10 da consegnare in duplice esemplare direttamente o tramite delegato a un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate, oppure da spedire tramite raccomandata AR con copia del documento valido di identità, oppure come abbiamo detto tramite un intermediario per l’invio telematico.

Effetti sulla rettifica della detrazione Iva ex art art. 19-bis2 del DPR n. 633 del 1972

Può accadere che nel caso di apertura della partita Iva supponiamo con il regime delle nuove iniziative imprendotoriali oppure ad un regime ordinario si sostengano dei costi per l’acquisto di beni strumentali soggetti ad ammortamento e su cui si è proceduto lla detrazione dell’Iva. Caso normale se pensiamo alle domande dei clienti un secondo dopo aver aperto loro la partita Iva: “Posso scaricare il coso dell’acquisto dell’auto e anche l’Iva?” . La risposta per l’Iva è contenuta nell’articolo citato nel sottoparagrafo in quanto è prevista si la detrazione ma al tempo stesso, qualora si chiuda la partita Iva o si passa ad un regime, uno a caso, quello dei minimi, sarà necessario considerare che seppur la detrazione dell’Iva la effettuiamo nell’anno di sostenimento del costo per l’intero ammontare che ci è permesso secondo le regole di detrazione previste per quel bene e quell’attività, è anche vero che la detrazione “matura” per quinti: cosa significa questo? Significa che seppur noi detraiamo l’Iva da subito qualora intervengano dei fatti successivi che non mi permettono più di avere a disposizione quel mezzo perché lo cedo, oppure chiudo la partita Iva allora dovrà operare una rettifica della detrazione precedentemente applicata in ragione di tanti anni quanti mi mancano per arrivare a cinque. Supponiamo che se acquisto un bene e detrai 100 di Iva e al terzo anno lo vendo dovrà ridare indietro l’Iva relativa agli ultimi tre anni che mi sono detratto in anticipo.

Compilazione Modello F24 per la chiusura della partita Iva

Per la chiusura della partita Iva sarà sufficiente la presentazione di un modello F24 con l’indicazione di alcuni dati ed il pagamento di una sanzione minima di 129 euro (se procederete entro la scadenza del 4 ottobre 2011) per esonerrvi anche dall’invio del modello AA7 o AA9. Potete leggere l’articolo dedicato alla compilazione del modello F24 per la chiusura della partita Iva.

Aggiornamento con RM n. 93 del 2011

Ricordo che anche alla luce dei chiarimenti espressi dalla risoluzione il versamento della delega di pagamento F24 elementi identificativi permette di non presentare ulteriori comunicazioni o ricevuta di pagamento in quanto l’esatta compilazione sarà importata ed elaborata dall’agenzia delle entrate che procederà in automatico all chiusura e allo sgravio di eventuali sanzioni pendenti sul soggetto che era obbligato alla presentazione della dichiarazione.

Il Risparmio di imposta è notevole in quanto la sanzione minima prevista di 516 euro è ridotta ad un quarto ed arriva appunto a 129 euro.

Riferimenti Normativi: Delega del Governo per la stabilizzazione finanziaria DL 98 del 2011, nonché DPR n. 633 del 1972, Risoluzione Ministeriale agenzia entrate n. 93 del 2011 e circolare agenzia entrate n.41 del 2011.

Aggiornamento Dicembre 2011: prprogati i termini per la chiusura delle partite iva fino al 31 marzo 2012

Articoli correlati:
Guida regime dei minimi Chiusura Partita Iva Codici Tributo F24

24 commenti

  1. per questo può leggere l’articolo dedicato alla compilazione del modello Unico

  2. Giusto

  3. OK ma la dichiarazione dei redditi va fatta ugualmente anche se con importi zero?
    Infine, volendo procedere autonomamente alla chiusura basta compilare il modello AA9/11 e portarlo all’agenzia delle entrate, giusto?
    Grazie

  4. OK grazie, ma la dichiarazione dei redditi va fatta ugualmente?

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.