HOMEPAGE / Finanziaria Manovra DL / Avvisi di Addebito INPS: nuove cartelle di pagamento e sanzioni in arrivo

Avvisi di Addebito INPS: nuove cartelle di pagamento e sanzioni in arrivo

La Nuova manovra economica 2010 DL 78/2010 ha introdotto i nuovi avvisi di addebito per le sanzioni dei contributi previdenziali ed assistenziali INPS (debiti tributari), con un nuovo termine per il pagamento delle sanzioni e degli interessi richiesti.

Sul fronte dei debiti tributari avevamo già assistito all’introduzione delle nuove cartelle di pagamento oggetto di restyling per una maggiore semplificazione e suprare i problemi che hanno i contribuenti con il fisco partendo da una migliore e più facile interpretazione della cartella di pagamento o del nuovo avviso di addebito.

Il nuovo avviso di addebito INPS

Il nuovo avviso di addebito ha ad oggetto solo tributi e quindi contributi previdenziali ed assistenziali emessi dall’Istituto Nazionale Previdenziale Statale a carico di lavoratori dipendenti, autonomi e simili che ne sono obbligati.

I nuovi termini per pagare le i nuovi avvisi di addebito

Fino al 31 dicembre 2010 i termini per poter pagare le cartelle di pagamento o gli avvisi o le comunicazioni che hanno ad oggetto il pagamento dei contributi INPS potevano andare dai 30 giorni nel caso delle comunicazioni o nel caso di 90 giorni nell’ipotesi di accertamento da parte dell’INPS ora i termini sono unificato e diventano di 60 giorni. Il contribuente avrà pertanto la facoltà di versare le somme richieste dall’INPS entro il termine di 60 giorni dalla data di notifica (data del timpbro postale di ricezione che trovate sulla busta.

Il termine entro cui adempiere al nuovo avviso di addebito INPS

L’entrata in vigore delle nuove disposizioni in materia di accertamento e di riscossione che hanno ad oggetto i contributi previdenziali ed assistenziali INPS per sanzioni, debiti tributari, interessi mancato pagamento scatta dal primo gennaio 2011.

Cosa fare se non si vuole pagare

Qualora si abbia la convinzione di non dover pagare potrete presentare ricorso entro i termini descritti all’interno dell’avviso di addebito o altrimenti dovrete procedere al pagamento pena l’espropriazione forzata delle somme come avviene con i ruoli contenuti nella nuove cartelle di pagamento.

Questo nuovo sistema di riscossione rientra nell’ambito di un disegno da parte del Governo che tende a semplificare le procedure di riscossione delle somme  iscritte a ruolo, cercando anche di evitare le lungaggini connesse all’attività accertativa, i tempi di risposta da parte del contribuente ed evitare il contenzioso.

Vi consigliamo anche di leggere gli articoli dedicati al nuovo redditometro e consultare le categorie a tema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.