HOMEPAGE / Finanziaria Manovra DL / Manovra Economica Straordinaria Estate 2011 Sintesi delle novità e approfondimenti

Manovra Economica Straordinaria Estate 2011 Sintesi delle novità e approfondimenti

Leggi la Nuova Manovra Economica 2017 in sintesi per punti 

La nuova Manovra economica correttiva e straordinaria di questa estate 2011 è stata pubblicata e vi indico con estrema sintesi le novità che il decreto introduce e che nel corso dei due precedenti articoli abbiamo avuto modo di accennare. La manovra Bis è strutturata nella prima parte dedicata alle misure per la stabilizzazione finanziaria, poi le misure per le privatizzazioni e lo sviluppo economico, successivamente quelle per il sostegno all’occupazione ed infine alla riduzione dei costi degli apparati istituzionali (leggi costi della politica).

Addizionale irpef sotto forma di contributo di solidarietà per i redditi alti
Per questo punto che forse rappresenta la misura più netta e diretta al prelievo nei confroti della classe imprenditoriale prevista dalla manovra. Tuttavia da quanto sono riuscito a ricostruire sulla base dei dati delle dichiarazioni per gli anni precedenti, quasi tutti i professionisti o laoratori autonomi con partita iva sarebbero esclusi dal provvedimento per incapienza e mancato raggiungimento del reddito minimo di 90 mila euro. Per l’approfondimento leggete l’articolo dedicato al nuovo contributo solidarietà 2011 per i redditi oltre 90 mila euro.

Tassazione secca rendite finanziarie al 20% eslusi titoli di stato
Potete leggere l’articolo di apporfondimento già scritto sulla tassazione delle nuove rendite finanziarie 2011.

Robin Hood Tax per il settore energetico (comprese le rinnovabili)
Prima tra tutti l’addizionale Irpef in forma di contributo di solidarietà a cui potrà aggingersi anche una Robin Hood Tax circoscritto al settore energetico petrolifero, elettrico ed energie rinnovabili anche se per queste ultime sarebbe molto complesso visto il sistema degli incentivi sui cui poggiano le basi i loro cash flow.

L’addizionale è prevista sotto forma di una aliquota aggiuntiva del 10,5% sul reddito Ires. Le misure entreranno in vigore il giorno dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale pertanto giù sul reddito prodotto su questo anno dovrete considerarla. Decisione brusca se pensiamo alle decisioni di budget che governano questo mondo e che si vedranno tagliare drasticamente gli utili del 10,5%.

Aumento aliquota Iva dal 20% al 21%
Aliquote Iva al 20% – 4% e 10% – Tabelle DPR 633 1972 Allegati 

Dipendenti Pubblici in pensione
Si allarga la finestra per coloro che andranno in pensione con il requisito della anzianità e limitatamente ai dipendenti pubblici che si vedranno allungare di altri 18 mesi il momento di percezione del TFR in quanto dovranno attendere ora due anni per vedersi accreditare la pensione di vecchiaia. Nella versione definitiva della Manovra d’estate 2011 viene introdotto come requisito quello di 40 anni di controbuti lavorativi effettivmaente volti in cui il riscatto degli anni di laurea o del servizio militare o del servizio civile concorreranno solo alla quantificazione dell’assegno pensionistico a nulla rilevando ai fini del calcolo degli anni di contribuzione. La tredicesima invece sarà differita in tre rate annuali posticipate.

Liberalizzazione delle professioni e dei servizi pubblici
Su questo versante sono aboliti i minimi tariffari previsti per commercialisti ed avvocati. Positiva la misura che permette di abbassare i minimi tariffari che di fatto viziavano le dinamiche concorrenziali del mercato nonché la possibilità di effettuare pubblicità comparative come già avveniva da qualche anno con gli spot televisivi delle multinazionali.

Leggendo il testo e grazie soprattutto alle vostre segnalazioni ad oggi l’esame di abilitazione, stando alla lettura dell’attuale decreto è abolito anche per avvocati e commercialisti. Tuttavia vi consiglio sempre di verificare la successiva conversione in legge che potrebbe subire delle modifiche. Mi immagino che questa previsione di totale liberalizzazione delle professioni di avvocati e commercialisti alimenterà un aspro dibattito. Sul fronte dei servizi pubblici invece assistiamo ad una liberalizzazione che tiene fuori l’acqua visto il grande clamore che aveva scatenato negli ultimi anni. In effetti quello dei trasporti era il settore meno difficile per convincere l’opinione pubblica anche se ricordate che in questi casi sulle privatizzazioni non si torna indietro. Articolo di approfondimento sulle novità nelle professioni della Manovra Economica 2011.

Inasprimento delle sanzioni per i maxi evasori
Viene introdotto il carcere per le evasioni fiscali che oltrepassano i 3 milioni di euro (stimabile in 9 milioni di imponibile) e sempre che a patto che sia superiore al 30% del volume d’affari. Sfugge la logica di questa condizione esimente del 30%.

Accertamento vietato solo se la congruità è per due anni e Nuovi studi di settore alle porte
In arrivo poi la nuova rimodulazione degli studi di settore e l’abbassamnto della tracciabilità dei flussi finanziari per i professionisti lavoratori autonomi che dovranno ora comunicare i flussi per transazioni di contante per movimenti al di sotto di 2.500 euro.

L’accertamento da studi di settore inoltre potrà essere precluso solo se il soggetto sarà congruo per due anni consecutivi mentre in caso di congruità di un solo anno il contribuente sarà ancora accertabile.

Ma non solo sono inasprite anche le sanzioni per chi commetterà oltre quattro omissioni di fatture e che potrà vedersi imposto uno stop dell’attività fino ad un mese o rischiare la cancellazione dall’albo.

Addizionale per le società di comodo
Come anticipato nell’articolo dedicato alle nuove società di comodo o non operative 2011 è stata introdotta una tassazione aggiuntiva del 10,5% sull’imponibile Irese delle società di comodo, ma che proprio perchè chiamate di comodo di imponibile ne dovrebbero avere ben poco. Inoltre è stato previsto che le società che nel triennio 2007-2009 hanno realizzato perdite fiscali in tutti e tre gli anni saranno assimilate a società di comodo con tutto quello che comporta in termini di riportabilità delle eprdite, addizionali ires e restrizioni sull’utilizzo del credito Iva che vedrete sempre bell’articolo sopra citato.

Riduzione e razionalizzazione della spesa pubblica
Alla base l’obietttivo di rivistare i centri di costo della politica con la possibilità anche di accorpare alcuni enticon finalità previdenziali ed assistenziali minori in un unico ente o sotto l’ombrello dell’INPS.

Addizionale per gli stranieri
Non scappano nemmeno gli extracomunitari o migranti che risiedono nel territorio dello stato ed inviano somme all’estero, probabilmente alla propria famiglie sui quali graverà un 2% di imposte e non meno di 3 euro a titolo di money transfer previsto su ogni transazione.

Sono ridotte le disponibilità per i fondi FAS per quello che concerne le misure di prevenzione del dissesto idrogeologico, sempre al centro delle polemiche in occasione delle due tragedie che hanno investito l’italia e saranno anche ridotte quelle per lo sviluppo della banda larga.

Novità per i Professionisti
Potete leggere le numerose novità nell’articolo dedicato alle novità della Manovra Economica 2011 ed i professionisti.

Abolite le feste della liberazione e della Repubblica
Lavoreremo anche due giorni di più in quanto la festa del 25 aprile del primo maggio e del 2 giugno slitteranno alla domenica successiva. Le pensioni tuttavia sono salve in quanto viene previsto solo l’anticipo di 4 anni e quindi al 2016 il sistema delle quote e l’innalzamento graduale a 65 anni della pensone per le donne che avrò occasione di descrivere nel corso dei prossimi articoli in modo che voi donne potrete farvi un’idea delle conseguenze di questi cambiamenti.

Liberalizzazione dei giochi
In compenso poche feste ma tanti giochi in quanto il Monopolio di Stato potrà introdurre nuovi giochi come se ve ne fossero pochi in cui gli italiani dilapidano i risparmi invece di investirli in attività produttive.

Riduzione delle spese per il personale dipendente del settore pubblico che dovranno ridimensionare l’organico del 10% dei dirigenti di seconda fascia e del 10% dei dipendenti delle amministrazioni centali. Le misure dovranno essere applicate entro entro il prossimo marzo del 2012 anche se non mi è chiaro quale siano le ripercussioni a cui andranno incontro in caso di inottemperanza di tali disposizioni viste anche le difficoltà di porle in essere.Altre novità riguardano inoltre, la  tracciabilità dei rifiuti, i trasfrimenti agevolati nelle amministrazioni pubbliche, e l’estensione dei contratti collettivi aziendali.

Taglio lineare delle agevolazioni fiscali
La crisi non ha certo giovato al processo di razionalizzazione delle agevolazioni fiscali al momento operanti nel nostro sistema tributario e che se entro il 30 settembre non troveranno la delega per la riforma fiscale ed assistenziale saranno tagliate in modo lineare, ossia netto del 5% tel quel.

Le novità della manovra per i professionisti consulta Versione definitiva Manovra Economica 2011

Domanda: Possibile che non si riescano a quantificare, numeri alla mano, che siano leggibili per tutti i risparmi pro capite previsti dai tagli della politica e delle amministrazioni locali? Del resto se devo pagare supponiamo un ocntrobuto di solidarietà avere una tassaione aggiuntiva sarà anche giustoed un mio diritto sapere quali sono i benefici che porteranno i tagli e quanto si sprecava fino ad ora.

 Nei prossimi giorni gli articoli di approfondimento per ora vi segnalo:
Contributo Solidarietà 2011 per redditi alti Manovra Economica 2011 e Novità Professionisti Nuova Tassazione Rendite Finanziarie 2011

5 commenti

  1. Salve a tutti.vorrei delle nuove informazioni se ne siete a conoscenza sull abolizione dell esame di stato per l avvocatura.
    Grazi.

  2. Grazie Fulvio :-) e Grazie anche MIrko per le dovute segnalazioni.

  3. L’articolo era corretto prima. Infatti leggendo l’art.33 c.5 della Costituzioni vi siete resi conto che per esami di stato, si intendono tutti gli esami di stato ad es. terza media, licenza liceale, numero chiuso medicina, concorsi pubblici etc., ma per quanto riguarda l’abilitazione all’esercizio professionale il decreto specifica all’art. 3 c. 5 lett. a : l’accesso alla professione è libero e il suo esercizio è fondato e ordinato sull’autonomia esull’indipendenza di giudizio, intellettuale e tecnica, del professionista.
    Le professioni LIBERE come quella di avvocato e commercialista rientrano nella liberalizzazione, e quindi l’esame di stato per l’iscrizione relativa ai relativi ordini è abolito, sull’applicazione e l’adeguamento gli Ordini hanno 12 mesi massimo. Spero di aver fugato i vostri dubbi. Cordiali saluti Fulvio

  4. Ciao Stefano, Grazie del prezioso contributo. L’aggiornamento in tempo reale anche durante le vacanze può indurre in disattenzioni. Grazie ancora.

  5. La questione dell’esame di Stato per le professioni è errata. Art. 3 comma 5 del decreto prescrive:” Fermo restando l’esame di Stato di cui all’art. 33 commma 5 della Cost. per le professioni regolamentate” […]

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.