Studi di settore e cause di esclusione ed esonero nel modello Unico

Nella predisposizione del modello unico società di capitali,unico persone fisiche, o enti non commerciali sono previste i quadri per il calcolo degli studi di settore, quadri che danno molti problemi ai professionisti in sede di compilazione del modello Unico al pari dell’intera dichiarazione dei redditi.

La difficoltà rispetto alla compilazione degli studi di settore porta questo blog ha indicarvi i casi di esenzione ossia di esclusione dalla compilazione e che sono di seguito riepilogati.

La prima causa di esclusione riguarda limiti dimensionali al di sopra dei quali intervengono altri steep di controllo che rendono superfluo l’ardua compilazione degli studi settore ed è prevista per le società e le imprese che hanno un volume d’affari superiore ai 5.164.569 euro.

Inoltre sono esclusi dalla compilazione anche i soggetti che si trovano nel primo anno di attività al pari di quelli che hanno chiuso l’attività nell’anno di imposta che trova esclusione solo con rifermento alle imprese apri e chiudi.

Sono escluse dalla compilazione degli studi anche le società o le aziende che determinano il reddito in via forfettaria o che non si trovano in un normale periodi di svolgimento dell’attività anche se va chiarito quale potrebbe essere questo periodo in termini di informazioni qualitative.

Sono escluse anche le imprese che effettuano attività di vendite a domicilio.

In ultimo ma non meno importante le cause di esclusione si applicano ai contribuenti che aderiscono al regime agevolato dei minimi, mentre i lavoratori autonomi che aderiscono al regime delle nuove imitative imprenditoriali non compileranno gli studi di settore ma i parametri che sono leggermente più leggeri in termini di oneri di compilazione.

Vi consigliamo anche gli ulteriori articoli di approfondimento sullla compilazione del modello Unico
Come dichiarare i terreni e gli immobili nel modello Unico

Altra cosa invece sono i parametri che dovranno essere compilati durante il primo anno di attività e che richiedono informazioni contenute rispetto agli studi di settore e quindi con dati che hanno valenza soprattutto statistica o che sopperiscono alcuni settore di attività che ancora non sono stati codificati in appositi studi di settore.

Aggiornamento 2012: leggete la circolare numero 8 del 2012 che ripercorre le novità introdotto negli studi di settore nel 2011 e nel 2012.

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>