HOMEPAGE / Dichiarazione 730 e modello UNICO / Detrazione Canoni Affitto Studenti fuori sede Distanza Meno 100 KM – Comuni Montani

Detrazione Canoni Affitto Studenti fuori sede Distanza Meno 100 KM – Comuni Montani

Nel seguito il trattamento fiscale previsto dal legislatore per la detrazione dei canoni di affitto pagati per la casa di studenti universitari la cui sede dista meno di 100 km dalla residenza anagrafica del nucleo familiare o 50 KM nel caso di comuni montani. Affronteremo come fare a verificare se è possibile comunque sfruttare la detrazione e come rimediare per cercare di ridurre comunque le tasse da versare indicandovi anche le modalità di calcolo.

Vi fornirò anche dei chiarimenti sulle modalità di compilazione del 730 facendo riferimenti ai quadri e ai righi interessati da questa componente.

Limite massimo detrazione fiscale ammessa nella dichiarazione dei redditi

Il limite di costo detraibile sostenuto per ciascun anno di imposta equivale a euro 2.633 annuo che si traducono in una riduzione dell’affitto mensile pari a euro a ca. 42 euro. Il canone di affitto deve essere comprovato da apposito contratto e/0 ricevute da parte del proprietario che ha incassato il canone. La norma non richiede espressamente il movimento bancario, come per esempio nel caso delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie, anche se posso consigliarvi di procedere con bonifico bancario e di mantenere anche in formato .pdf l’estratto conto bancario in caso di accertamenti fiscali. Discorso diverso se l’affitto è in nero in quanto la detrazione fiscale Irpef non sarà consentita naturalmente.

Il calcolo della detrazione avviene prende l’importo sostenuto e confrontandolo con il massimo consentito di 2.633 euro. Laddove il valore sostenuto sia minore allora lo prenderemo tutto e lo moltiplicheremo per il 19%. In caso contrario prendere mo solo l’importo di 2.633 moltiplicandolo sempre per il 19%.

Esempio

Supponiamo di averse sostenuto un canone di affitto mensile di 500 euro per 12 mensilità pari quindi a 6.000 euro. L’importo massimo consentito equivale a 2.633 euro. Questo importo andrà indicato nella dichiarazione dei redditi. Il risparmio effettivo di imposta Irpef sarà dato dal 19% di 2.633 = 500,27 euro

Considerando che nella maggior parte dei casi una casa in una grande città come Roma e Milano si affitta proprio intorno a i 500 euro possiamo dire che parte di questo costo viene solo parzialmente recuperato per il tramite di questa detrazione fiscale.

Distanza 100 KM: casi particolari per i comuni Montani

La norma inizialmente affermava che la sede universitaria doveva distare almeno 100 km da quello di residenza dello studente. tuttavia con il tempo hanno introdotto delle fattispecie come nel caso dei comuni Montani che oggi godono di un trattamento di favore. Nel caso in cui la residenza dello studente sia in un comune Montano la distanza può essere anche al di sotto dei 100 km ma deve rispettare il limite di 50 km.

La detrazione spetta anche nel caso in cui ‘università sia situata nella stessa provincia a patto sempre che si rispetti la distanza minima dei 100 km tra residenza legale dello studente o quella di sede dell’università, o di 50 KM se trattasi di un comune montano.

Definizione Comune Montano

La legge 991/1952 ci da la definizione di Comune Montano in base alla classificazione geomorfologica della sua ubicazione  (l’80% della superficie al di sopra dei 600 metri o un dislivello maggiore di 600 metri) e a quella reddituale dei terreni (reddito imponibile medio per ettaro inferiore a 2.400 lire).

Vi sono poi dei comuni classificati come montani in deroga perchè classificati già così al catasto agrario o danneggiati da eventi bellici (art 1) o appartenenti a comprensori di bonifica montana (art. 14). Ma l’abrogazione degli articoli 1 e 14, avvenuta con una successiva norma (legge 142/1990), ha di fatto impedito la possibilità di rivedere e/o aggiornare tale classificazione

Elenco Comuni Montani

Elenco comuni italiani

Indicazione nella dichiarazione dei redditi 730 o Modello unico

Il quadro che caratterizza questa tipologia di detrazione è il quadro E relativo alla valorizzazione degli oneri e delle spese sostenute dal contribuente nell’anno oggetto di dichiarazione dei redditi. Non importa se state utilizzando il modello 730 o il modello unico in quanto le detrazioni personali del contribuente sono comunque valide.

Non dimenticate che le spese universitarie al pari della detrazione Irpef sulle spese scolastiche sono equamente ripartite tra i genitori salvo patto contrario che non richiede alcuna forma scritta.

Queste spese, al lordo, le dovrete indicare nel rigo E9 – Altre spese indicando il codice 18. Il codice 18 è relativo al 730 2018, tuttavia raramente cambiano ma comunque vi consiglio sempre di verificarli con le istruzioni del 730 alla mano. A proposito di istruzioni vi segnalo l’articolo dove sono custodite tutte le istruzioni per il 730 dell’ano in corso e degli anni passati qualora vi dovessero essere utili per una veloce consultazione.

Tipologie di contratti ammessi alla detrazione

Il riferimento normativo relativo alla detrazione è l’articolo 15 del Tuir, lettera i-sexies, mentre per quello che concerne la tipologia di contratti stipulati questo devo essere ex articolo 431/1998 ossia a canone convenzionale (con o senza opzione della cedolare secca).

Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede

Detrazione spese scolastiche 730 2019 e istruzione nella dichiarazione dei redditi e modello Unico

Come vedrete nell’articolo qui di seguito non sono solo le spese di affitto ad essere detraibili ai fini Irpef ma anche altre spese come le spese di iscrizione o i testi universitari ed in alcuni casi e con certe limitazioni, anche le spese per le erogazioni liberali. Vi invito sempre a sfruttare il motore di ricerca interna al sito se avete pagato questi costi nell’anno in quanto cambiano per ciascuno i limit della detrazione fiscale e i codici da indica nel 730.

Detrazione sugli affitti per i fuori sede e giovani studenti universitari nel 730 ai fini Irpef

Quali spese posso detrarre oltre al costo di affitto

Non so se lo sapete ma oltre ai costi dell’affitto di vostro figlio (che deve essere a carico fiscalmente mi raccomando) potrete anche detrarre le spese universitarie. A tal proposito vi indico l’apposito articolo gratuito di approfondimento nel seguito.

Per completare il quadro e comprendere anche come la pensa il proprietario di casa, che magari vi proporrà un affitto in nero come spesso si sente potete leggere anche l’articolo dedicato al trattamento fiscale dei canoni di affitto incassati dall’inquilino.

Regime fiscale affitta camere a studenti universitari fuori sede: gli incentivi del Fisco

Valutazione Convenienza Detrazione sugli affitti: quale scegliere tra le tante

Compilazione 730 Detrazione Affitti: istruzioni e chiarimenti

Valuta l'articolo
[Totale: 6 Media: 4.8]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

2 commenti

  1. Tasse-Fisco

    parzialmente?….ossia?….

  2. Avatar

    Buonasera, se il comune di residenza è parzialmente montano spetta lo stesso la detrazione?
    Grazie

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.