HOMEPAGE / Dichiarazione 730 e modello UNICO / Addizionale Regionale 2019: Casi Particolari Regione Veneto, Lazio, Calabria e Liguria

Addizionale Regionale 2019: Casi Particolari Regione Veneto, Lazio, Calabria e Liguria

Nel seguito alcuni casi particolari di applicazione della addizionale regionale Irpef per le regioni di Regione Veneto, Lazio, Calabria e Liguria da inserire nella dichiarazione dei redditi 730 o Redditi PF o anche nel modello Unico qualora utilizzaste questo.

La Regione Veneto ha previsto un’aliquota agevolata dello 0,9% a favore di:

  • soggetti con disabilità ai sensi dell’art. 3, legge 5 febbraio 1992, n. 104, con un reddito imponibile per l’anno 2018 non superiore ad euro 45.000. In tal caso, per usufruire dell’agevolazione, occorre indicare il codice ‘2’ nella casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale;
  • contribuenti con un familiare con disabilità ai sensi della citata legge n. 104/1992, fiscalmente a carico con un reddito imponibile per l’anno 2018 non superiore ad euro 45.000,00. In questo caso qualora la persona con disabilità sia fiscalmente a carico di più soggetti l’aliquota dello 0,9% si applica a condizione che la somma dei redditi delle persone di cui è a carico, non sia superiore ad euro 45.000,00. In presenza di queste condizioni, per usufruire dell’aliquota agevolata dell’0,9, occorre indicare il codice ‘1’ nella casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale.

La Regione Basilicata ha previsto un’aliquota agevolata del 1,23% a favore dei contribuenti con un reddito imponibile compreso tra 55.000 e 75.000 euro, che abbiano due o più figli a carico.

Nel caso in cui i figli siano a carico di più soggetti, tale aliquota agevolata si applica solo se la somma dei loro redditi imponibili risulta compresa nello scaglione di reddito sopra indicato. Solo in quest’ultima ipotesi va compilata la casella “Casi particolari addizionale regionale”, presente nel riquadro del domicilio fiscale, indicando il codice ‘1’.

La Regione Lazio ha previsto un’aliquota agevolata dell’1,73% a favore dei contribuenti:

  • con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale Irpef non superiore a 50.000 euro aventi 3 figli a carico. Nel caso in cui i figli siano a carico di più soggetti, tale aliquota agevolata si applica solo se la somma dei loro redditi imponibili sia inferiore a 50.000 euro. Solo in quest’ultima ipotesi va compilata indicando il codice 1 la casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale. La predetta soglia di reddito è innalzata di 5.000 euro per ogni figlio a carico oltre il terzo;
  • con un reddito imponibile non superiore a euro 50.000,00 ed aventi fiscalmente a carico uno o più figli con disabilità. Qualora il figlio con disabilità sia a carico di più soggetti, l’aliquota agevolata del 1,73 % si applica solo nel caso in cui la somma dei redditi imponibili ai fini dell’addizionale regionale, non sia superiore ad euro 50.000. Solo in quest’ultima ipotesi va compilata indicando il codice 1 la casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale;
  • ultrasettantenni con disabilità ai sensi dell’art. 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito imponibile non superiore a 50.000,00 euro. In tal caso, per fruire dell’aliquota agevolata, nella casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale occorre indicare il codice 2.

La Regione Liguria ha previsto un’aliquota agevolata dell’1,23% a favore:

  • delle famiglie numerose comunitarie. In tal caso l’agevolazione spetta ai contribuenti con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale Irpef non superiore a 55.000 euro aventi fiscalmente a carico almeno 4 figli. Per fruire dell’aliquota agevolata, nella casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale occorre indicare il codice 1;
  • dei soggetti comunitari con un reddito imponibile ai fini dell’addizionale regionale Irpef fino a 28.000 euro aventi fiscalmente a carico almeno un figlio nato nel 2018. Tali soggetti indicheranno nella casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale il codice 2. È prevista l’applicazione dell’aliquota agevolata dell’1,23% per il 2018 e i due anni successivi a favore dei contribuenti di età inferiore a 45 anni che trasferiscono la propria residenza in un comune ligure, a condizione che il trasferimento avvenga nel corso del 2018 e sia mantenuto per tutto il periodo di vigenza dell’agevolazione. In tal caso, per fruire dell’aliquota agevolata, nella casella “Casi particolari addizionale regionale” presente nel riquadro del domicilio fiscale occorre indicare il codice 3

Nel seguito vi segnalo la guida gratuita di approfondimento sulle addizionali regionali e comunicali per capire come funzionano e perché si applicano

Addizionale Regionale e Comunale Irpef: cosa sono e perchè aumentano

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.