HOMEPAGE / Consulenza commercialista

54 commenti

  1. Legga articolo dedicato proprio al calcolo della giacenza media

  2. certamente

  3. proventi immobiliari da cedolare secca (se adottate la cedolare secca) altrimenti proventi immobiliari.

  4. Si e dovrebbe leggere l’articolo dedicato alle correzioni del modello Isee

  5. Dal momento che la detrazione delle provvigioni di intermediazione trae origine dallo stesso articolo di quella per le ristrutturazioni edilizie le riporto quanto chiarito dall’agenzia delle entrate in merito alla possibilità di detrazione di costi per ristrutturazione per familiari a carico.
    D.: La circolare n. 121 del 1998 precisa al punto 2.1 che la detrazione
    compete anche al familiare convivente del possessore o detentore
    dell’immobile sul quale vengono effettuati i lavori, purche’ ne sostenga le
    spese e che, in tale ipotesi il titolo che legittima e’ costituito
    dall’essere un “familiare” convivente con il possessore intestatario
    dell’immobile.
    Sul punto, la scrivente ritiene che, qualunque sia l’immobile su cui vengono
    effettuati i lavori che danno diritto alla detrazione, l’essere familiare
    convivente dell’eventuale proprietario o titolare di altro diritto reale,
    legittima l’utilizzazione del beneficio, con l’unica condizione che si
    tratti di soggetto che sostiene le spese.
    In proposito si e’ a conoscenza che altre Direzioni Regionali hanno reso
    interpretazioni diverse nel presupposto che il familiare convivente possa
    beneficiare della detrazione solo nel caso in cui i lavori vengano
    effettuati sull’immobile utilizzato come abitazione principale sia del
    proprietario che dello stesso familiare convivente.
    Alla luce di quanto sopra si chiede quale sia l’interpretazione piu’
    corretta.
    R.: La detrazione per interventi di recupero di cui all’art. 1 della legge
    27 dicembre 1997 n. 449 spetta anche ai familiari conviventi del possessore
    o detentore dell’immobile sul quale vengono effettuati i lavori.
    Da una lettura combinata della Circolare n. 121 dell’11 maggio 1998 e della
    Risoluzione n. 136 del 6 maggio 2002, e’ possibile ricavare che il familiare
    puo’ usufruire dell’agevolazione, se risultino a suo carico le spese dei
    lavori e se risulti essere convivente del possessore o detentore
    dell’immobile gia’ all’avvio della procedura, ossia all’atto di invio della
    dichiarazione di inizio lavori all’Amministrazione Finanziaria.
    Non e’ invece richiesto che tale immobile sia considerato abitazione
    principale per il proprietario o per il familiare convivente, essendo
    sufficiente che si tratti di una delle abitazioni su cui si esplica il
    rapporto di convivenza.

  6. Maria Rosa Rizzi

    Buongiorno , ho acquistato un appartamento a mio figlio , lui è l’intestatario come prima casa , le spese dell’agenzia le ho pagate io in quanto non percepisce ancora reddito , è possibile detrarle ?

  7. Può fare istanza per la rinuncia e pagare differenziale senza sanzioni ed interessi. Ho scritto articolo dedicato proprio alla rinuncia delle agevolazioni prima casa.

  8. salve ho ereditato la casa di mio padre dove ho la residenza. sto acquistando una nuova x me è utilizzerò le agevolazioni per prima casa trasferendo la residenza.
    Nel frattempo vorrei vendere quella ereditata ma prima devo fare la successione. In dichiarazione di successione utilizzarö le agevolazioni come prima casa. Se riesco a vendere la casa ereditata entro un anno dal rogito della nuova le agevolazioni che ho utilizzato nella dichiarazione di successione non decadono. Ma se nin riesco e la vendo dopo e comunque entro i 5 anni le perdo mi sembra di capire.
    Posso fare un’istanza all’agenzia delle entrate per pagare solo la differenza ed evitare le sanzioni?

  9. avrei intenzione di aprire un R&B per un totale di 4 posti letto in una unità immobiliare Pago i contributi come imprenditore agrico lo (no IAP) e ho partita iva. mi hanno detto che rischio di vedermi passare i contributi come commercio e quindi aumentare. premetto che potrei svolgere l’attività di R&B non continuamente nell’arco dell’anno data la mia locazione (regione emilia, montagna). Come mi devo comportare per non incorrere in ulteriori tasse? grazie

  10. ho fittato un’appartamento il 1 giugno 2016 con cntratto di 4 anni+4 ora l’inquilino vuole lasciare l’appartamento x problemi familiari come mi devo comportare?mi deve pagare fino alla fine dei 4 anni o no

  11. No, le parti non sono solidalmente responsabili

  12. Se linquino non ha versato la tari deve risponderne il proprietario?

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.