HOMEPAGE / Casa, immobili, terreni / Successione di terreni: calcolo tasse e compilazione dichiarazione Online

Successione di terreni: calcolo tasse e compilazione dichiarazione Online

bionda ereditiera di terreni e proprietà immobiliariSe nell’attivo ereditario vi sono terreni di proprietà del defunto o de cuius che saranno lasciati in eredità agli eredi o ai legati o ad altri eventuali chiamati,  come saranno tassati? Vedremo anche come dovranno essere riportati all’interno del nuovo modello per la dichiarazione di successione che, dal 23 gennaio 2017, potrete compilare e pagare on line direttamente da casa.

Compilazione del quadro EL – Attivo ereditario terreni sistema tavolare

Il primo passo è quello di arricchire i campi richiesti dalla denuncia di successione e successivamente arrivare alla determinazione del valore del terreno sulla base del valore catastale o base imponibile su cui applicare le aliquote previste per l’imposta sulle successioni.

Fattispecie particolari per le province di Trieste, Gorizia, Trento, Bolzano e in alcuni Comuni delle Province di Udine, Vicenza, Brescia e Belluno che si baseranno sul sistema tavolare in luogo del catasto ordinario per la modalità di conservazione e per il diverso rilievo giuridico delle sue risultanze.

I dati da inserire per gli immobili saranno

  • Provincia (sigla)
  • Comune amministrativo
  • Codice comune
  • Comune catastale
  • Cod. Comune catastale
  • Ubicazione: Via o località
  • Dati catastali: Foglio, Particella fondiaria, Subalterno, Natura, Superficie, m2 ,
  • Dati reddituali: Reddito dominicale, % Possesso del defunto
  • Indicazione del Codice diritto: devono essere riportati nella dichiarazione di successione con gli estremi presenti nel sistema tavolare.

Per desumere tali dati ed indicarli correttamente e mettersi al riparo anche da possibili azioni del fisco o di altri eredi vi consiglio di fare una visura catastale aggiornata almeno non più di tre mesi prima della data di presentazione della dichiarazione di successione.

Tuttavia, nel caso di variazione del comune (ad esempio a seguito di soppressione o fusione con altro comune) in cui si trova l’immobile, occorre munirsi di un documento catastale più aggiornato, recante i dati del nuovo comune amministrativo costituito.
Dall’esame della visura catastale può risultare che un’unica particella di terreno sia “porzionata” in relazione alla diversità delle colture presenti su di essa, per cui con riferimento ad numero di particella, quale identificativo catastale, possono corrispondere più “porzioni”, ognuna delle quali ha propri redditi e superficie, in questi casi occorre indicare il terreno unitariamente, compilando un solo rigo e riportandone i dati aggregati, come più avanti precisato.

In questo quadro vanno indicati, oltre ai terreni, i fabbricati in corso di costruzione, se non ancora dichiarati al catasto edilizio urbano (consultare la tabella ‘CODICI NATURA’ riportata nell’allegato 3 dell’Appendice). Non vanno indicati, invece, i diritti che si estinguono con la morte del defunto e le servitù (al riguardo consultare l’allegato 4 ‘CODICE DIRITTO’ dell’Appendice).

Per gli immobili ricadenti nei territori ove vige il sistema del Libro fondiario la dichiarazione è resa solo al fine della successione e non consente di eseguire la voltura catastale automatizzata, i cui adempimenti, continuano ad essere svolti presso i competenti Uffici delle Province autonome di Trento e Bolzano.

Comune amministrativo

Riportare la denominazione del Comune amministrativo nel quale si trova il bene ereditario anche se non corrispondente a quello indicato sulla visura catastale (ad esempio quando ci sono state modifiche dei confini o sono stati costituiti nuovi comuni), al momento della presentazione della dichiarazione.

Codice Comune

Indicare il codice del comune amministrativo come indicato nel documento catastale.

Comune catastale

Indicare la denominazione del Comune catastale se presente nei documenti del catasto rilasciati dagli uffici dipendenti dalle Province autonome di Trento e Bolzano.

Codice Comune catastale

Indicare il codice Comune catastale se presente nei documenti del catasto rilasciati dagli uffici dipendenti dalle Province autonome di Trento e Bolzano.

Via o località

Per le aree edificabili indicare il numero del lotto se individuato dallo strumento urbanistico del Comune.

Particella e Subalterno

Indicare il numero di particella e subalterno, ove presente, come indicato nella visura catastale; il numero della particella può essere composto da due parti: numeratore (prima serie di cifre) e denominatore (seconda serie di cifre). Se la particella è composta da una sola serie di cifre riportarla nel campo destinato al numeratore.

Natura

Indicare il codice natura del bene oggetto di successione.
L’elenco dei codici si trova nella tabella ‘CODICI NATURA – TERRENI’ riportata nell’Allegato 3 delle istruzioni. Per gli immobili privi di autonomia reddituale, per i quali non c’è obbligo di accatastamento e non sono iscritti al catasto fabbricati (ad esempio fabbricati in corso di costruzione), indicare i dati di identificazione catastale del terreno in cui si trovano, riportando nella presente casella la lettera corrispondente alla fattispecie dell’immobile oggetto di dichiarazione (nel nostro esempio la lettera “C”).

Superficie

Indicare la superficie del terreno in ettari, are e centiare, o in metri quadri, come indicato nel documento catastale.
In presenza di una particella di terreno “porzionata” (in relazione alla diversità delle colture su di essa presenti).

Reddito dominicale

Riportare il reddito dominicale indicato nel documento catastale. Se la particella è suddivisa in più porzioni e se in ognuna di questa viene praticata una coltura diversa, nel campo va indicata la somma dei singoli redditi dominicali.

Possesso del defunto

Indicare la quota dell’immobile relativa al diritto posseduto dal defunto, espressa in una frazione (ad esempio 1/10). Se questa quota corrisponde all’intero il rapporto sarà pari a uno (ad esempio 1/1; 100/100; 1000/1000).

Codice diritto

Il diritto in genere corrisponde a quello indicato nel documento catastale. Per individuare il codice corrispondente consultare l’Allegato 4 ‘CODICI DIRITTO’, in cui è riportata la tabella contenente i codici da utilizzare ed informazioni riguardanti casi particolari.

Bene aziendale

La presente casella deve essere barrata in presenza di immobili intestati al de cuius che costituiscono bene aziendale (come nel caso di una ditta individuale, in relazione alla quale occorre compilare anche il quadro EN, indicandone l’intero valore).

Tipologia Terreno

In questa casella deve essere indicato: il codice 1 se il terreno è edificabil,il codice 2 se il terreno è parzialmente edificabile; il codice 3 se il terreno non è edificabile.

Valore

Indicare la base imponibile, arrotondata all’unità di euro, da calcolare in base alle regole sinteticamente indicate di seguito, facendo riferimento al codice diritto ed alla quota posseduta dal defunto.

COME SI DETERMINA LA BASE IMPONIBILE

Piena proprietà = Valore venale in comune commercio (valore di mercato) alla data di apertura della successione. Chi non vuole spendere onorari per una perizia da parte d un tecnico abilitato può in linea teorica fare riferimento ai valori indicati nel portale geopoi dove sono indicati gli intervalli di valore minimo e massimo a seconda dello stato di manutenzione dell’immobile a seconda delle transazioni registra nella medesima zona censuaria. Consiglio tuttavia sempre di farsi fare una piccola perizia da un esperto esterno che sia indipendente rispetto agli aventi diritto.

Proprietà gravata da diritti reali di godimento > Differenza tra il valore della piena proprietà e quello del diritto da cui è gravata
Usufrutto, uso e abitazione > Valore determinato moltiplicando il valore della piena proprietà, per il saggio legale d’interesse e per il coefficiente di cui alla tabella allegata al Tur (D.P.R. 131/1986). Per questa tipologia ricordo che sono variate le tabella e che abbina dedicato un apposito articolo al calcolo del valore catastale dell’usufrutto uso o abitazione che potete consultare gratuitamente
Enfiteusi > Venti volte il canone annuo o, se maggiore, la differenza tra il valore della piena proprietà e la somma dovuta per l’affrancazione
Concedente
Somma dovuta per l’affrancazione

Vi segnalo un esempio preso online:

Anno apertura successione: 2015
Oggetto successione: terreno
Tipologia di diritto posseduto dal defunto: Nuda proprietà (Proprietà gravata da usufrutto)
Quota di possesso del defunto: 50%
Età usufruttuario:65
Coefficiente determinazione diritti usufrutto in relazione all’età dell’usufruttuario (tabella allegata al Tur): 100 Tasso legale d’interesse (correlato alla tabella dei coefficienti): 0,5%
Beneficiario: EA1
Diritti trasmessi per successione: EA1 Nuda proprietà
Rendita catastale: 2.000 €
Valore venale in comune commercio del terreno all’apertura della successione: 200.000 €

Per determinare il valore del terreno caduto in successione occorrerà effettuare il calcolo seguente:

Valore della piena proprietà (valore venale del bene) x quota di possesso del defunto – valore corrispondente al diritto di cui è gravata la piena proprietà (valore venale del bene x quota di possesso del defunto x tasso legale d’interesse x coefficiente tabella allegata al TUR) = (200.000 € x 50/100) – (200.000 € x 50/100 x 0,5/100 x 100)= 100.000 € – 50.000 €= 50.000 €

Pertanto la somma da riportare nel campo ‘valore’, relativa al terreno oggetto di successione è 50.000 € (valore della nuda proprietà trasferita in successione).

Partita tavolare

Nei documenti rilasciati dagli uffici del catasto dipendenti dalle Province autonome di Trento e Bolzano il dato è evidenziato in una apposita colonna. Negli altri casi è desumibile dai libri fondiari.

Corpo tavolare

Il dato è desumibile dai libri fondiari

Dichiarazione Successione online 2017: calcolo tasse e versamento e nuovo modello

Guida Pratica Fiscale alle Successioni: come si calcola l’imposta

Valuta l'articolo
[Totale: 11 Media: 2.3]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

1 commento

  1. Avatar

    molto utile ed interessante

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.