Benefici Fiscali in comunione o separazione dei beni, per la prima casa

decadenza prima casaI benefici fiscali prima casa per i coniugi in regime di separazione o comunione dei beni pongono una serie di domande e qindi di risposte rispetto alla possibilità di poter fruire dei benefici fiscali prima casa sotto forma di agevolazione sulle imposte di registro da versare a seguito della compravendita immobiliare. Analizziamo quali casi si possono presentare, perché ho avuto modo di notare che esistono le situazione più disparate quindi sempre meglio riprendere ogni caso e valutarlo singolarmente alla luce della norma.

Matrimonio ed acquisto di una nuova casa con le agevolazioni fiscali
Supponiamo di avere il caso in cui due soggetti si sposano e decidono di acquistare la propria nuova casa che rientrerà in comunione dei beni. Per verificare se spetta l’agevolazione bisognerà valutare il possesso dei requisiti in capo ad entrambi, anche se vi è una sentenza della corte di cassazione n.13085 del 2003 che esprimerebbe un indirizzo secondo cui il beneficio in questo caso  dovrebbe essere valutato in capo al bisogno della famiglia e quindi indipendentemente dalle circostanze che possono impedire ad uno dei due soggetti di soddisfare i requisiti e quindi anche indipendentemente dallo spostamento della residenza di uno dei due nell’immobile nuovo acquistato.

Tralasciando questo analizziamo alcuni casi più comuni in cui spetta l’agevolazione fiscale prima casa in caso di comunione legale dei beni:

I coniugi in comunione decidono di acquistare una casa ma godono (anche solo uno di essi) di un’altra abitazione o di una quota di essa in proprietà, usufrutto, uso o abitazione in passato non acquistata con i benefici prima casa situata nello stesso comune dove intendono acquistare la nuova. In questo caso il diritto all’abitazione è soddisfatto per cui il legislatore non da diritto alle agevolazione sulla nuova eccetto il caso in cui questa precedente abitazione non sia in un comune diverso.

Nel caso in cui i coniugi siano titolari di una nuda proprietà possono fruire ma semprechè la nuda proprietà non sia stata acquistata in passata con i benefici prima casa.

Uno dei due aveva già una casa prima del matrimonio
Nel caso come anche spesso accade uno dei due soggetti abbia una casa ancora prima di sposarsi e successivamente si decida in seguito di acquistarne un’altra (la seconda per intenderci per colui che già una ne ha), allora la prima ovviamente non entrerà in comunione dei beni ed il secondo potrà essere acquistato con i benefici prima casa solo dal soggetto che non era titolari di immobili e casa prima del matrimonio e solo limitatamente al 50% del valore dell’immobile.

Uno dei due aveva già una casa prima del matrimonio e si acquista una seconda casa
Nel caso in cui un coniuge sia già proprietario di una abitazione e successivamente si voglia acquistarne un’altra insieme allora purtroppo entrambi i coniugi non potranno godere delle agevolazioni indipendentemente dal luogo ove sono ubicati gli immobili.

Diverso invece il caso in cui entrambi i soggetti sono titolati ad usufruire delle agevolazioni prima casa in quanto a questo punto potranno, sempre che si presentino al rogito dal notaio e che entrambi dichiarino di poter usufruire delle agevolazioni prima casa allora potranno entrambi godere delle agevolazioni, altrimenti potrà godere solo chi renderà la dichiarazione nell’atto e sempre nella misura massima del 50% del valore dell’imposta di registro da liquidare.

Benefici prima casa in caso di separazione dei beni
Le fattispecie qui si complicano in quanto possiamo dire (prendetelo con la dovuta cautela) che il coniuge è come un soggetto terzo. In questo caso infatti l’acquisto di una pria casa da parte dei coniugi può avvenire anche qualora il coniuge sia titolare interamente o anche pro quota di immobili su tutto il territorio nazionale che però non devono essere stati acquistati in passato con i benefici prima casa.

Qualora invece in passato avete già fruito dei benefici prima casa di cui siete proprietari interametne o pro quota vale il contrario ossia non potete accedere all’agevolazione. Esistono però delle pronunce giurisprudenziali che in alcuni casi hanno disciplinato diversamente in quanto per esempio nel caso di ampliamento o acquisto della prima casa.

Può inoltre verificarsi sempre nel caso di seprazione di beni in cui solo uno dei due coniugi ha fruito in passato del beneficio fiscale prima casa ed in questo caso, qualora entrambi volgiano procedere all’acquisto di un’altra abitazione oppure ne acquistino una quota il coniuge che in passato non ha fruito delle agevolazioni potrà farlo per la sua quota mentre l’altro no.

Continuando nel ragionamento sui casi di decadenza nel caso di acquisto di una prima e di una seconda casa per coniugi e separati

Caso in cui invece l’agevolazione spetta è quello in cui avendo ricevuto per successione come eredi o legatari o per donazione un immobile sito nel territorio dello Stato e successivamente procediamo all’acquisto di una seconda casa in un comune però diverso dal primo dove intendiamo trasferire la nostra residenza allora l’agevolazione sulla prima casa spetterà.
Le agevolazioni prima casa, relativamente ai trasferimenti non onerosi che nascono a seguito di  separazione o divorzio non subiscono variazioni dal primo gennaio 2014 in quanto non consistenti in vere e proprie cessioni ma sono finalizzati alla sistemazione dei rapporti personali dei coniugi.

Altri casi di agevolazioni fiscali tra coniugi e separati

Altri casi di decadenza
Vi ricordo sempre che la dichiarazione da rendere nell’atto per l’agevolazione fiscale prima casa è causa sufficiente al disconoscimento dei benefici fiscali sull’acquisto della prima casa oltre alle altre cause di decadenza del beneficio prima casa.

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

16 Commenti

  1. Buongiorni volevo porre una domanda!Mia madre vorrebbe comprare una casa a mia sorella per usufruire dell iva del 4% ,la cui fra un 8 mesi si sposa non nel suo comune ma nella citta’ di lui e percio adesso dovra’ chiedere il cambio di residenza e appogiarla a casa di lui .la casa che lui ha gia comprato è stata usufruita l’agvolazione iva4% .a questo punto adesso che lei diventera’ coniuge e faranno la divisione dei beni, mia sorella in quel caso puo anche lei usufruire l’iva del 4% della casa che dovra’ comprargli mia madre,anche se si sposa con lui e vanno a vivere a casa di lui ,posso 2 coniugi avere 2 residenze diverse?aspetto una vostra risposta distinti saluti silvia

  2. Allora fino al punto che tua madre compra casa a tua sorella ci siamo e per questo ti posso consigliare di leggere l’articolo dedicato all’acquisto di case ai figli da parte dei genitori. Sul discorso dei due coniugi con residenze diverse e fruizione di doppia agevolazione su due immobili diversi invece ti posso dire che uno dei requisiti è quello di avere l’abitazione principale nel comune dove è situato l’immobile per cui si sta chiedendo l’agevolazione prima casa.

  3. Salve,
    mi sono sposata nel 2010 in separazione dei beni e viviamo in affitto da tale data.
    Abbiamo acquistato in contanti insieme un terreno per costruire la prima casa usufruendo delle agevolazioni sulle tasse di registrazione.(a breve inizieremo a costruire).
    Volevamo intanto comprar(a nome di un solo coniuge) con un mutuo un appartamento in un altro comune. E’ possibile che chi se lo intesta possa usufruire delle agevolazioni prima casa?? e l’altro provvedere alla costruzione dell’altra casa a suo nome(intestandosi il progetto) senza perdere anche lui le agevolazioni?

    Insomma significherebbe usufruire ognuno delle agevolazione?? o l’errore è nel esserci intestati il terreno ad entrambi sebbene siamo in separazione dei beni??

    Grazie in anticipo

  4. io e mia moglie abbiamo costruito una casa di proprietà e ottenuto i benefici di prima casa (ad es. per il mutuo).
    Dopo 6 anni ci siamo separati e la casa è rimasta assegnata a lei in quanto convivente con i figli.
    Io ora ho intenzione/necessità di acquistare una nuova casa per me. Posso usufruire dei benefici di prima casa (considerando che la mia prima casa non è per me disponibile) oppure no?
    grazie

  5. Ho acquistato nel 1989 la quota del 50 per cento di un appartamento nel comune di residenza senza beneficiare delle agevolazioni prima casa. L’altra metà l’ho acquistata alcuni anni più tardi, divenendo il solo proprietario dell’immobile. Operazione anche quest’ultima effettuata senza agevolazione fiscale. Nel 2006 decido di trasformare l’appartamento – fino ad allora mia dimora abituale – variandone il suo cambio d’uso tramite apposito progetto depositato al catasto. Nel dettaglio: da abitazione ‘residenziale’ ad ‘uso turistico’. E così il mio ex appartamento è ora alloggio per turisti con soggiorni di durata minima e massima disciplinati da apposita legge regionale. A distanza di anni finalmente trovo casa da acquistare in cui trasferirmi e farne la mia abitazione finitiva. Pur essendo nello stesso comune dell’altro immobile quest’ultima abitazione riuscirò FINALMENTE a comprarla beneficiando del ‘diritto di prima casa’? Grazie per la risposta

  6. buongiorno. io e mia moglie siamo in regime di sparazione di beni. ho acquistato una casa con l’ agevolazione prima casa. ora dopo 20 anni ,quanto costa donare questa casa a mia moglie ? valutata 400.000 euro. lei puo’ usufruire dell’agevolazione prima casa avendo un quarto del 50% della casa paterna, nello stesso comune, dove vive la madre e i fratelli?
    grazie

  7. dovrebbe andare nell’articolo dedicato alla donazione in cui trova anche una tabella sintetica con la tassazione in caso di imposta di donazione. Provi a cercare con il otore interno di ricerca guida alla donazione.

  8. salve, 12 anni fa ho comprato una casa in comunione dei beni, ma le fatturazioni (erano a stati di avanzamento prima che ci sposassimo) sono solo a mio nome. Ora dopo 12 anni abbiamo rivenduto casa e fra pochi giorni ne acquisteremo sempre come prima casa un’altra. Come si potra’ fare per rientrare del credito d’imposta?

  9. I benefici li avrete comunque a meno che per voi non si tratti di una seconda casa, nel senso che ne avete un’altra sul territorio nazionale. Legga l’articolo dedicato ai benefici prima casa.

  10. Buongiorno, siamo due coniugi A e B in separazione dei beni da 10 anni.
    7 anni fa io (A) ho acquistato una prima casa usufruendo dei benefici fiscali prima casa.
    Oggi mia moglie B vorrebbe acquistare una prima casa nello stesso comune usufruendo dei benefici fiscali prima casa e successivamente, con calma, io (A) vorrei vendere la casa di mia proprietà.
    E’ legittimo che mia moglie (B) usufruisca dei benefici fiscali 1^ casa?
    Aggiungo che mia moglie è proprietaria per successione di 1/6 di una casa in altro Comune e io (A)sono proprietario del solo immobile che venderò.

    Grazie anticipatamente

  11. Vorrei porre una domanda specifica su questo argomento.
    Due coniugi in separazione di beni. Il marito ha un’immobile acquistato prima del matrimonio con le agevolazioni 1° casa. Entrambi vivono in questo immobile con residenza e prole. la moglie è fiscalmente a carico del marito.
    Devono acquistare un secondo immobile in un altra regione dove il marito lavora e trasferiranno la residenza e la famiglia in questo comune. L’acquisto è al 50% tra marito e moglie, sempre in regime di separazione. Può la moglie usufruire sul suo 50% del valore dei benefici della prima casa?

    grazie

  12. buongiorno
    io e mio marito siamo comproprietari della ns prima casa comprata 10 anni fa volevo sapere se io e la bambina cambiamo residenza (x motivi scolastici), andando in una regione diversa, mentre mio marito continua a risiedere nella casa ci raggiungerà solo i fine settimana e noi andiamo ospiti dai miei genitori (quindi non compro un altra casa no affitto) perdiamo i benefici relativi alla casa, imu ecc..

  13. Salve siamo due infermieri che ci sposiamo fra due mesi e vorrei chiederla se facciamo divisione di beni ( non abbiamo proprietà) a livello di pagare meno tasse sul 730 ci potrà convenire ? il 730 dobbiamo farlo per forza il prox anno ? grazie saluti !!

  14. Il fatto di fare insieme la dichiarazione dei redditi non incide sulla quantificazione delle imposte che gravnao su entrambi ma semplicmente riduce l’oonere amministrativo relativo alla predisposizione fisica della dichiarazione dei redditi. Insomma senza farla troppo lunga farte una dichiarazione invece che due.
    Per la verifica di eventuali casi di esenzione invece potete leggere l’articolo dedicaot proprio alla compilazione dove nella prima parte troverete proprio i casi di obbligo e di esenzione del 730.

  15. Buongiorno. Io è il mio compagno , entrambi divorziati , possediamo a testa un appartamento nello stesso caseggiato. Io l’ho acquistato come prima casa e sto tuttora pagando il mutuo (fino al 2021), lui in sede di separazione diversi anni fa ha rilevato l’appartamento intestato alla ex moglie dove è rimasto ad abitare. Se decidessimo di sposarci vorremmo comunque mantenere i nostri appartamenti (nn avremmo spazio per le cose dell’uno o dell’altro!). La residenza ovviamente e ‘ la stessa per tutti e due e tale rimarrebbe. Fiscalmente andiamo incontro a qualche problema? Il mio compagno dice (forse per scoraggiarmi??!) che uno dei due appartamenti risulterebbe seconda casa. E’ vero? Grazie!

  16. Buonasera,io e mio marito molti anni prima di sposarci abbiamo acquistato una casa insieme io 80% prima casa lui 20% seconda casa.
    L’anno scorso ci siamo sposati e ora vorremmo comprare un altro appartamento nello stesso comune e abbiamo ricevuto pareri discordanti da notai diversi: alcuni ci hanno detto che mio marito non puo usufruire delle agevolazioni prima casa avendo gia una quota di una casa col coniuge (io) altri dicono che l’agevolazione si può godere in quanto la casa in comproprietà è stata comunque acquistata prima del matrimonio per cui non ha nessuna quota intera di possesso.
    Inoltre siamo in regime di separazione dei beni.
    potete risolvere l’arcano?
    grazie

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>