Saldo Ici 2011: versamenti scadenza del 16 giugno e 16 dicembre

Vi presentiamo una guida fiscale per il calcolo dell’acconto ICI in sacadenza il 16 giugno e del calcolo del saldo ICI tramite versametno con modello F24 o con bollettino postale identificando chi deve effettuare il pagamento e come versare. Il versamento del saldo ICI 2010 – 2011 di dicembre è in scadenza tra meno di un mese e quindi vi chiariamo chi deve pagare e chi non deve versare le imposte sulla seconda casa e comunque non abitazione principale.

Acconto e saldo ICI
L’importo da versare è lo stesso pagato a titolo di acconto il 16 giugno salvo eventuali variazioni intervenute nel corso dell’anno (alienazioni, acquisti cessioni di case-abitazioni ville opifici garage ecc ecc e tutte le categorie catastali), mentre il saldo ICI andrà versato entro il 16 dicembre e semprechè non si sia optato per il versamento in un’unica soluzione.

Chi deve versare l’ICI e chi sono quali i soggetti esonerati
Come sappiamo i soggetti esonerati al versamento dell’ICI 2011 sono i titolari di immobili adibiti ad abitazione principale. Gli immobili che scontano l’ICI sono i fabbricati e anche le aree fabbricabili o i terreni agricoli (dall’adozione del piano regolatore che li rende edificabili) e obbligati saranno i proprietari e chi gode di un diritto reale di godimento sul bene come l’usufrutto, l’uso, l’abitazione e anche il diritto di superficie o enfiteusi: pertanto coloro che hanno ceduto il diritto di superficie su un terreno, magari ad una impresa di produzione di energia fotovoltaica avranno il diritto a non versare l’ICI su quella porzione di terreno.

Come si calcola l’ICI: Guida fiscale all’acconto ICI

Per il calcolo dell’ici 2011 da versare si prende il reddito dominicale dalla misura catastale dell’immobile e si moltiplica per i coefficienti e moltiplicatori definiti dalla norma e pari in genere a 75. Il pagamento può essere effettuato tramite modello F24 e pertanto potrà anche essere oggetto di compensazione con altri tributi.

I soggetti esonerati al pagamentosono coloro i quali adibiscono la casa ad abitazione principale ad eccezione delle unità immobiliari iscritte nelle categorie catastali A1, A8 e A9 ossia immobili di lusso, ville e castelli. (consulta le Categorie catastali)

Qualora non si è proceduto al pagamento del Saldo ICI 2011 a dicembre ci si può ravvedere tramite l’istituto del ravvedimento operoso secondo le modalità tradizionali di determinazione della quota sanzioni ed interessi tenendo a mente la maggiorazione dopo i primi 30 giorni di ritardo.

Fattispecie particolari: la contitolarità
In caso di comproprietà l’ICI 2011 è dovuta in base alla quota di possesso dell’immobile in quanto ricordiamo che l’ICI è una imposta che grava sul possessore e l’utilizzatore dell’unità immobiliare. Inoltre se il possesso a titolo esemplificativo si è protratto per oltre 15 giorni del mese, il mese di possesso andrà computato per intero.
Ai fini del calcolo sarà necessario considerare le detrazioni previste dalla legge o dalle leggi comunali. Per esempio nel caso di cooperative edilizie il comune può stabilire ulteriori detrazioni dall’imposta ICI per le proprietà indivise adibite ad abitazione principale.

I Comuni quindi possono stabilire detrazioni per l’abitazione principale applicando la detrazione di Euro 103,29.
Le ulteriori detrazioni sono calcolate sulle unità immobiliari e sulle relative pertinenze.

Ma possono anche esistere alcune fattispecie come il coniuge non assegnatario della ex casa coniugale che in caso di separazione o di divorzio e a cui viene riconosciuto l’usufrutto spetta l’ulteriore detrazione solo in proporzione alla quota di possesso e sempre che non sia proprietario di altro immobile suscettibile di essere adibito ad abitazione principale nello stesso comune.

Inoltre l’imposta non potrà mai andare a credito ossia nel caso in cui la somma delle agevolazioni fiscali e delle detrazioni previste per il calcolo dell’ICI dovesse portare l’imposta ad assumere un valore negativo questa non potrà essere considerata come un credito e non potrà tantomeno essere utilizzata in compensazione.

In caso di modificazioni delle condizioni soggettive od oggettive come un trasferimento della residenza o la cessione dell’immobile si guarderà ai mesi di possesso 2011 del semestre a seconda che si tratti di acconto o di saldo ici, lo stesso dicasi per il 2011.

Nel caso di immobili di proprietà di non residenti in Italia si potranno beneficiare comunque delle detrazioni previste appositamente che saranno considerati come residenti in Italia in quanto come sappiamo la tassazione in questo caso segue l’immobile e non il soggetto.

Versamento con modello F24
I codici tributi da utilizzare pe ril versamento con modello F24 sono

3901 : Imposta comunale sugli immobili (Ici) per l’abitazione principale;
3902 : Imposta comunale sugli immobili (Ici) per i terreni agricoli;
3903 : Imposta comunale sugli immobili (Ici) per le aree  fabbricabili;
3904 : Imposta comunale sugli immobili (Ici) per gli altri fabbricati.

Nessuno vi impedisce di versare tutto a giugno in una unica soluzione, anche se inutile che vi dica che ci perdereste in disponibilità e nei tassi di interessi attivi che maturerebbero sulle somme dovute a titolo di saldo ICI, anche se il tasso di interesse legale quest’anno è molto basso.

Per ulteriori approfondimenti vi consiglio anche la guida fiscale al pagamento dell’acconto ICI

Vi consiglio di leggere anche la guida fiscale alle locazioni e affitti immobiliari per avere un quadro della tassazione in materia affitti e locazione di case, fabbricati, terreni agricoli e fondi rustici locati da persone fisiche o da società con particolare riferimento al trattamento ai fini delle impste di registro, della registrazione del contratto e al trattamento Iva.

Mancano pochi giorni alla scadenza dle pagamento del primo acconto, affrettatevi al pagamento del bollettino o al versamento del modello (anche utilizzando l’home banking)

Scadenza della dichiarazione ICI
Vi ricordiamo che il 30 settembre scade anche il termine per la presentazione della dichiarazione ICI relativa alla comunicaizone delle eventuali variazioni che non sono state depositate in passato al catatsto al fine di regolarizzare la propria posizione.
Tuttavia vi consigliamo di verificare le situazioni che richiedono ancora l’obbligo della comunicazione della dichiarazione ICI e che sono stati parzialmente soppressi con la riforma Bersani del 2007 (DL 223/2007).

Articoli di approfondimento:
Calcolo Acconto e Saldo ICI
Calcolo Acconto e Saldo ICI
ICI immobile ex coniuge
Denuncia ICI

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

12 Commenti

  1. proprietario di appartamento sino al 30 marzo 2010,dopo venduto
    con atto notarile.
    come calcolare la quota dell’ICI di mia spettanza ?
    pago solo per 89 giorni di possesso o altro?
    in attesa di una vostra risposta.
    distinti saluti.

  2. Si, verserà limitatamente ai giorni di possesso dell’abitazione.

  3. Sono comproprietaria con mio marito di due appartamenti uno a Milano e uno in provincia di Como. Mio marito risulta residente a Milano ed io in provincia di Como ma ormai da tre anni vivo e lavoro all’estero. Fino ad oggi, in base alla nuova normativa, ho pagato il 50% dell’ICI di Milano per la mia quota(abitazione principale per mio marito) e il 50% dell’ICI di Como per mio marito (abitazione principale per me), in entrambi i casi non ho considerato alcuna detrazione. E’ corretto? In passato inoltre avevo sempre considerato per il 50% di abitazione principale di entrambi gli appartamenti il 50% di relativa detrazione, ho agito correttamente o avrei dovuto comunque considerate il 100% di detrazione?
    Grazie in anticipo
    Cordiali saluti

  4. Buongiorno,
    in base alla all’at. 1 comma 4-ter del DL 23 gennaio 1993 n.16 per i cittadini italiani residenti all’estero il requisito dell’abitazione principlae risulta già soddisfatto per il solo fatto di avere una casa di proprietà situata nel territorio dello statao a patto che non sia locata altrimenti un altro fruirebbe della stessa detrazione ICI, purtroppo non è esentata dall’ICI che lo dovrà agare per la sua quota di possesso che il 50% con la detrazione prevista dal suo comunue sulle abitazioni principale (aliquota ridotta e/o detrazione secca). Non può però avere la detrazione per abitazione principale su due aèèartamento in due comunue doversi in qaunto l’abitazione principale è una sola. In questo caso le posso considerare di riclacolare gli importo dovuti e fare un ravvedimento operoso ICi di cui può trovare un articolo scritto nella categoria immobili e ICI.
    Saluti,

  5. mi hanno riferito che si può pagare l’ici di un immobile in un unica soluzione con scadenza 30 giugno 2010 . E’ vero?
    grzie

  6. No, può versarla in una unica soluzione ma entro il termine per il pagamento delle somme contenute nella dichiarazione dei redditi pertanto entro il 16 giugno prossimo.

  7. Pagherò l’ acconto e il saldo ICI in unica soluzione entro 30 gg dalla scadenza del 16 giugno. Dovrò pagare la sanzione del 2,5% e gli interessi solo sull’acconto o anche sul saldo? Sembrerebbe ovvio dover pagare solo sull’acconto senonchè sul Web ci sono dehgli esempi di calcolo automatico in cui indicando come data di pagamento ad es il 24 giugno,vengono esposte sanzioni e interessi anche per l’acconto di dicembre versato il 24 giugno, con largo anticipo sulla scadenza del 16 dicembre.
    Come devo comportarmi?
    Giovanni

  8. Se decide di pagare tutto in ‘unica soluzione allora dve ecnsiderae come data di omesso versamento l’intero con data 16 giugno, ma a questo punto, anche s enon conosco limporto, le conviene versare acconto adesso con sanzione e saldo a dicembre senza caclolare alcuna sanzione.
    Le cosiglio l’articolo che abbiamo scritto sul nuovo ravvedimento operoso anche

  9. si pagano i millesimi di proprieta di un immobile(casa)avendo nostra sorella che ne usufruisce graduitamente,anche lei conpropritaria. grazie

  10. Si paga l’ICI in relazion alla quota di possesso. Se sua sorella e’ comproprietaria per esempio e non frisiate dell’ immobile perche’ ad utilizzarlo e’ lei in base ad un titolo o accordo giuridCamente disciplinato allora obbligato al versamento del tributo sara’ lei. In questo caso se non avete disciplinato nulla tra lei e sua sorella e vivete insieme nello stesso immobile pagherete in ragione della
    Vostra percentuale di prorptieta’

  11. Vorrei sapere se si deve pagare l’ICI su terreni con Piano Regolatore Adottato.
    Grazie

  12. Avendo dimenticato di versare a giugno l’acconto ici, vorrei sapere quale sanzione o interessi dovrei versare al saldo del 16 dicembre. Grazie.

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>