HOMEPAGE / Casa, immobili, terreni / IMU e TASI 2019 in caso di Decesso e successione: chi paga e quanto

IMU e TASI 2019 in caso di Decesso e successione: chi paga e quanto

prima casa successione donazioneVediamo in caso di decesso del proprietario di casa chi deve pagare la TASI e l’IMU tra gli eredi chiamati alla successione per non incorrere in sanzioni tributarie.
Nel caso di decesso del contribuente proprietario di una o più unità locali con annesse pertinenze l’obbligo del versamento delle imposte (o tasse come spesso le chiamate voi) ricade inevitabilmente in capo agli eredi ma bisogna capire quando scatta esattamente per determinarne anche le scadenze.

I pagamenti risultano essere due in quanto abbiamo l’obbligo del versamento IMU e TASI relativo a:

  • L’imposta di competenza fino al giorno di apertura della successione a carico del de cuius;
  • L’imposta che scatta dal giorno di apertura di successione fino alla prima scadenza successiva.

Se dovessimo fare un esempio, nel caso di un decesso al 31 ottobre si dovrà provvedere a versare l’imposta del contribuente deceduto dal primo luglio fino alla data di apertura della successione che supponiamo avvenga il primo novembre. L’erede dovrebbe poi versare dal primo novembre a immaginiamo fino al 16 dicembre.

Logico che il defunto non potendo pagare a posteriori l’imposta dovranno versarla gli eredi in relazione alla propria percentuale (nel caso per esmepio di tre fratelli: un terzo a testa). Il diritto di abitazione matura indipendentemente dall’accettazione dell’eredità.

Il momento scatta dall’apertura della successione (leggete a tal proposito la Guida alla Successione per aiutarvi) a tal proposito nell’articolo linkato trovate le tempistiche e le Modalità di apertura della successione.

Casa utilizzata dal coniuge ancora vivo

Non è infrequente il caso in cui il coniuge proprietario sia il primo a passare a miglior vita. Al coniuge superstite spetta il diritto di abitazione e ci si pone la domanda se debba pagare IMU e TASI. La risposta è che dovrà considerarsi come titolare del diritto di abitazione per cui l’IMU godrebbe dell’agevolazione prevista per l’abitazione principale qualora sia utilizzata dal coniuge vivente come dimora abituale e abbia ivi stabilito la residenza legale mentre per la TASI sembrerebbe doversi procedere al pagamento.  Il coniuge superstite pagherà il saldo per il defunto marito fino al giorno di apertura della successione e la moglie o coniuge superstite la restante parte.

Da quando gli eredi pagano IMU e TASI

Nel caso di acquisto di un immobile per successione ossia abbiate ricevuto per eredità un immobile il pagamento dell’IMU e della TASI dovrà avvenire non a partire dalla data di apertura della successione ma dal giorno della morte del de cuius.

Accettazione dell’eredità con beneficio di inventario

Nel caso in cui accettiate l’eredità con beneficio di inventario i debiti vantati dal fisco dovranno essere onorati nei limiti delle somme realizzate dalla vendita dei beni che entrano nella successione. Questo per dirvi che non rischierete di vedervi aggredire il patrimonio personale per una cartella del de cuius. Sicuramente se siete cugini di terzo grado e vi chiamano per accettare l’eredità fatevi una domanda: come mai nessuno prima di me l’ha accettata? Potrebbe essere utile capire e chiarire se vi sono pendenze o debiti da onorare e quanto valgono. A tal proposito comunque ho scritto un articolo dedicato proprio alla gestione delle cartelle di pagamento del defunto per orientarvi nella loro gestione (insomma non pagatele subito ma prima leggete e nel caso sentite un dottore commercialista).

Possiamo dire che succede un pò quello che si ha anche nel caso di acquisto o vendita di immobile in corso d’anno ai fini IMU e TASI

Non entro nel merito del calcolo delle imposte che potete trovare ai link che vi segnalo nel seguito.

Guida IMU

Guida TASI

 Nuovo articolo dedicato all’ IMU e TASI per Residenti all’estero con Immobili in Italia

Valuta l'articolo
[Totale: 136 Media: 2.4]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

7 commenti

  1. Avatar

    Mia zia è deceduta e l’abitazione è stata ereditata da mio padre , suo fratello e i figli di altri tre fratelli.
    L’abitazione non è abitata e tutti gli eredi possiedono già altre case tranne mio padre che vive in affitto in altra casa. Mio padre è tenuto a pagare l’ici o ne è esentato perchè la porzione di proprietà è una parte di prima casa? Grazie

  2. Avatar

    Salve abbiamo fatto.la successione io e i.miei fratelli dopo la morte nostro padre con mia madre ancora in vita quindi esente da IMU la domanda è la seguente visto che i.miei fratelli sono proprietari della prima casa quindi questa risulta seconda casa io che non ho proprietà ma solo residenza in affitto devo pagare anche io Imu anche se non risulterebbe come seconda casa ma prima?

  3. Avatar

    Buongiorno
    Nel caso di eredità da parte del coniuge superstite e dei figli, per il coniuge diventa 1^ casa e pertanto esente da IMU e TASI. Per i figli diventa 2^ casa. Sono obbligati al pagamento anche se il coniuge vive nella casa come unica proprietà? Esistono leggi particolari o esenzioni del comune che giustifichino l’astensione al pagamento?
    Grazie
    Emanuela

  4. Tasse-Fisco

    Purtroppo no

  5. Avatar
    pierangelo bastia

    siamo in tre eredi della casa di mia madre e tutti abbiamo una casa di proprieta’quindi la parte divisa risulta come seconda casa -e’ arrivato un prezzo da pagare esagerato anche se non usufruiamo a parte mia sorella che vuole stare li’ e mio fratello che viene quando ha voglia –io indipendente e acasa mia senza usufruire di nulla non posso farglieli pagare daloro non c’e una soluzione di regola ??? grazie comunque—

  6. Tasse-Fisco

    TASI dovute se non nel caso in cui stacchi le utenze e provi che non vi abita nessuno

  7. Avatar

    se i miei genitori sono defunti ed io ho ereditato un immobile che tuttora risulta vuoto
    devo pagare ugualmente la tasi anche se non ci abita nessuno?

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.