HOMEPAGE / Casa, immobili, terreni / Domande e Risposte sull’agevolazione prima casa: guida pratica

Domande e Risposte sull’agevolazione prima casa: guida pratica

domand e dubbiVisto le frequenti domande complesse sulle agevolazioin fiscali sulla prima casa che prevedono l’abbattimento dell’imposta di registro o dell’Iva a seconda dei casi come illustrato nella tabella dell’agenzia delle entrate abbimao deciso di alimentare un apposito post con quelle più interessanti oltre alla guida fiscale agevolazioni prima casa che vi consigliamo di leggere prima di addentrarvi nella fattispecie.

Domanda sul riacquisto della prima casa

Chiedevo gentilmente se io vendo un’ immobile di prima casa di cui ho già goduto dei privilegi dieci anni fà, ed ora costruisco una nuova casa sempre come prima casa dal momento che la precedente l’ho venduta, posso usufruire dei previlegi ancora. Grazie.

Risposta: Nel caso lei abbia alienato la sua abitazione, prima o dopo il passare dei cinque anni (se prima avrò restituito il credito di imposta con eventuali sanzioni ed interessi) e rispetta gli ulteriori requisiti previsti per lo sfruttamento dell’agevolazione sulla prima casa potrà ulteriormente beneficiare delle agevolazioni prima casa che prevedono un risparmio in termini di minore imposta di registro o Iva oltrechè imposte ipotecarie e catastali in misura fissa.

Novità dalla Legge di Stabilità 2016

Dal primo gennaio 2016 anche coloro che al momento dell’atto possiedono già un immobile potranno chiedere di godere dei benefici prima casa che prevedono il pagamento di una imposta di registra pari al 2% in luogo del 9% a patto che lo rivendano entro un anno dalla data del rogito di acquisto dell’abitazione acquistata con le agevolazioni.

Precedente acquisto con le agevolazioni prima casa

Chiedevo gentilmente se io vendo un’ immobile di prima casa di cui ho già goduto dei privilegi dieci anni fà, ed ora costruisco una nuova casa sempre come prima casa dal momento che la precedente l’ho venduta, posso usufruire dei previlegi ancora. Grazie

Risposta: Buonasera Frank, si potrà godere dei benefici prima casa sempre che rispetti gli altri ulteriori requisiti relativamente al possesso di altre abitazioni, della contitolarità di altri diritti reali e delle caratteristiche dell’immobile in costruzione.

Il Legislatore stabilisce a tal fine che lei non deve essere titolare della precedente abitazione acquistata con i benefici agevolazioni prima casa al momento del rogito notarile.

Domanda: Chiedevo gentilmente se io vendo un’ immobile di prima casa di cui ho già goduto dei privilegi dieci anni fà, ed ora costruisco una nuova casa sempre come prima casa dal momento che la precedente l’ho venduta, posso usufruire dei previlegi ancora. Grazie.

Risposta: nel caso lei rispetti anche gli ulteriori requisiti si: di per se il fatto di aver fruito dell’agevolazioni nel passato non è vincolante ai fini della nuova fruizione.

Domanda sulla titolarità dell’immobile oggetto di agevolazioni prima casa tra coniugi

Siamo una coppia in regime di separazione di beni. Io (marito) ho un appartamento acquistato prima del matrimonio. Mia moglie non possiede immobili. Stiamo realizzando una nuova abitazione che verrà intestata a mia moglie. Vorrei sapere se sussistono i requisiti per mia moglie per usufruire dell’agevolazione per la prima casa, visto che per lei lo è? Occorre valutare l’eventuale necessità di alienare l’immobile mio o non serve?

Prima casa e separazione dei beni

Domanda di Lella Io e mio marito (in separazione dei beni) abbiamo acquistato una casa che ci verrà consegnata a Marzo. Adesso viviamo nella prima casa acquistata da mio marito 3 anni fa (non eravamo ancora sposati). Stiamo cercando di vendere prima di marzo in modo che lui si possa intestare per intero o per una parte la nuova casa e non perdere le agevolazioni prima casa. Se non dovessimo vendere in tempo per non risultare come seconda casa dovrei intestarla a me (usufruendo io delle agevolazioni prima casa). Anche il mutuo per poter scaricare per intero gli interessi passivi dovrebbe essere intestato solo a me. La mia domanda è questa: se dovessimo vendere dopo Marzo quindi prima dei cinque anni, per non dover pagare le tasse più gli interessi, posso entro un anno vendergli una quota della nuova casa in modo che risulti che ne ha acquistata un’altra entro l’anno appunto senza perdere i benefici goduti in precedenza? Se si la quota può essere irrisoria – tipo 5% – per poter continuare a scaricare gli interessi passivi del mutuo nella misura del 95%. Se tutto questo fosse possibile, quali spese dovremmo affrontare?

Domanda: Salve,non avendo ricevuto risposta provo a riformulare la domanda. Sto in comunione di beni con mia moglie che ha avuto la casa dove dimoriamo in dono dai genitori . Volendo acquistare un’altro appartamento intestarlo a me e successivamente fittarlo, posso usufruire dei vantaggi prima casa ? E’ possibile altresì detrarre gli interessi passivi del mutuo nella prossima dichiarazione dei redditi ?
Grazie
Ciao

Risposta: Relativamente alle fattispecie che vedono coniugati, coniugi separati e non che vogliono acquistare la prima casa o la seconda casa vi consiglio di consultare il post sulle agevolazioni prima casa per sposati.

Domanda:  Gentili signori, mi chiamo Antonio e vi scrivo da Vicenza per avere un aiuto sugli incentivi per l’acquisto di prima casa. Io ho acquistato un nuovo appartamento in classe B con tanto di certificazione, il preliminare è stato fatto in data 8 di maggio 2010, e nello stesso mese il costruttore ha effettuato la prenotazione sul sito di Poste Italiane, avrei dovuto fare il rogito a breve ma la Banca a cui avevo chiesto il mutuo non ha voluto concedermi la somma pattuita e quindi ho dovuto rifare la pratica presso un’altra Banca che mi ha portato avanti fino ai primi di Agosto ed in fine il 10 agosto 2010 sono riuscito a fare il rogito.
Il 10 settembre ho inviato tutta la documentazione a Poste Italiane di Milano..
Il giorno dopo aver inviato la documentazione il costruttore mi ha contattato per dirmi che non riuscirò a prendere gli incentivi perchè la prenotazione doveva avvenire non oltre i 20 giorni prima del rogito e che quando aveva contattato il call center gli avevano detto che la prenotazione doveva essere fatta il più presto possibile per non perdere l’incentivo anche 30gg prima del rogito intendendo “entro 20 gg dal rogito” come almeno 20 gg prima del rogito quindi anche di più.
Ma questo è vero?? a me sembra una beffa, contavo tanto su quei soldi…come posso fare???
Posso fare ricorso presso un Giudice di Pace.
Tengo a precisare che il sito di Poste Italiane ha modificato la pagina perchè a loro dire ci sono state tante cancellazioni forse dovute anche a questo errore.
Grazie

Cessione della casa all’ex moglie

Se nell’accordo di sperazione l’uno o l’altro coniuge ha attribuito la casa all’altro sappiate che il legislatore non le considera propriamente donazioni, ma una “sistemazione dei rapporti in occasione della separazione consensuale” con una funzione “solutorio-compensativa” (cfr. Cass. n. 5741 del 2004; 5473 del 2006). e viene considerata una vera e propria cessione che fa perdere i benefici prima casa a coli che ha dato la casa.

Aggiornamento

Per evitare le sanzioni è possibile prima dei 18 mesi presentare un’istanza di interpello per rinunciare alle agevolazioni in caso di impossibilità a trasferire la residenza con pagamento dell’imposta differenziale e degli interessi legali, ma senza pagare le sanzioni, leggi l’articolo di approfondimento qui di seguito in cui troverete anche i termini prescrizionali degli accertamenti sulla prima casa:Rinuncia agevolazioni prima casa

Leggete prima gli articoli dedicati proprio alle  cause di decadenza dei benefici prima casa.

Vi consigliamo di leggere la guida alla agevolazioni prima casa e la guida sulla deduzione degli interessi passivi su mutuo 


Rinuncia alle agevolazioni per evitare le sanzioni

61 commenti

  1. MI sembra di capire che lei hai acquistato una casa senza benefici prima casa ed ora vorrebbe fruirne? Stante il rispetto anche delle altre condizioni se non ne ha mai fruito si. Legga le dichiarazioni da rendere nell’atto veda se è in grado di rispettarle tutte.

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.