HOMEPAGE / Fisco Auto e Veicoli / Quali sono le auto per il fisco: classificazione diverse per auto e moto ai fini Irpef, Ires, Iva

Quali sono le auto per il fisco: classificazione diverse per auto e moto ai fini Irpef, Ires, Iva

macchinina temperamatiteQuali sono le tipologie di veicoli per il Fisco italiano? Perchè a seconda del tipo di veicolo, il Fisco prevede un trattamento fiscale che può essere diverso ai fini della deducibilità dei costi per un professionista titolare di partita IVA, ai fini del reddito Irpef e ai fini del reddito delle società soggetto ad IRES. Ma non solo, perchè anche ai fini Iva vedrete che la classificaizone degli automezzi non è la stessa.

Mi rendo conto che l’argomento nonn è divertentissimo ma vi può servire pechè queste sono le basi per poi capire il trattamento fiscale che viene applicato agli autoveicoli delle diverse categorie.

La classificazione degli autoveicoli e automezzi ai fini fiscali

In origine c’era il codice della strada che disciplinava la corretta classificazione degli autoveicoli automezzi che avevano la stessa valenz tanto per le imposte dirette irpef ed Ires tanto per le imposte indirette Iva.

Tantissimi non addetti ai lavori fanno quasi sempre riferimento al concetto di auto aziendale che non trova una sua unica collocazione all’interno delle norme tributarie in quanto queste prevedono diversi trattamenti fiscali a seconda della tipologia del mezzo, della finalità per cui viene utilizzato, ai fini del tributo e del soggetto utilizzatore,

Tuttavia con il proliferare di comportamenti tendenti ad aggirare la normativa tributaria che permetteva al tempo di effettuare per esempio un’immatricolazione di un autocarro (e conseguente assicurazione online per autocarro, per semplicità e convenienza) anche per berline di lusso da un lato si è deciso di intervenire e slegare il codice della strada dall’applicazione delle imposte alle auto. Discorso diverso per l’Iva e per la sua detrazione sul prezzo di vendita che viene applicato al momento dell’acquisto dell’auto, del furgone o altro mezzo di locomozione, che merita un discorso a parte in quanto come sapete dal 2008 l’Italia ha dovuto allenarsi al trattamento imposto dalla Comunità Europea in tema di detrazione Iva sull’acquisto di autoveicoli in quanto fino a quell’anno l’Iva sugli automezzi era ingiustificatamente indetraibile o detraibile limitatamente ad un utilizzo esclusivamente strumentale del mezzo.

La classificazione degli automezzi ai fini Ires

Sinteticamente possiamo definire come autovetture tutti quegli automezzi che non non possono essere immatricolati come autocarri, autoveicoli carrozzati a pianale o a cassone con cabina profonda o come un furgone finestrato e che trovate riepilogati nell’articolo 54 del codice della Strada che definisce autoveicoli come:
1. Gli autoveicoli sono veicoli a motore con almeno quattro  ruote, esclusi i motoveicoli, e si distinguono in:  a) autovetture: veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo nove posti, compreso quello del conducente;     b)  autobus:  veicoli   destinati   al   trasporto   di   persone equipaggiati con piu’ di nove posti compreso quello del conducente;     c) autoveicoli per trasporto promiscuo: veicoli aventi una  massa complessiva a pieno carico non superiore  a  3,5  t  o  4,5  t  se  a trazione elettrica o a batteria, destinati al trasporto di persone  e di cose e capaci di contenere al massimo nove posti  compreso  quello del conducente;     d) autocarri: veicoli destinati al  trasporto  di  cose  e  delle persone addette all’uso o al trasporto delle cose stesse;     e) trattori stradali: veicoli destinati esclusivamente al  traino di rimorchi o semirimorchi;     f) autoveicoli per  trasporti  specifici:  veicoli  destinati  al trasporto di determinate cose o di persone in particolari condizioni, caratterizzati  dall’essere  muniti   permanentemente   di   speciali attrezzature relative a tale scopo;     g)  autoveicoli  per   uso   speciale:   veicoli   caratterizzati dall’essere  muniti  permanentemente  di  speciali   attrezzature   e destinati prevalentemente al trasporto proprio. Su  tali  veicoli  e’ consentito il trasporto del personale e dei  materiali  connessi  col ciclo operativo delle attrezzature e di persone e cose connesse  alla destinazione d’uso delle attrezzature stesse;     h) autotreni: complessi  di  veicoli  costituiti  da  due  unita’ distinte, agganciate, delle quali una motrice.  Ai  soli  fini  della applicazione dell’art. 61, commi 1 e 2, costituiscono un’unica unita’ gli  autotreni  caratterizzati  in  modo  permanente  da  particolari attrezzature per il trasporto di cose determinate nel regolamento. In ogni caso se vengono superate le dimensioni massime di  cui  all’art. 61, il veicolo o il trasporto e’ considerato eccezionale;     i) autoarticolati: complessi di veicoli costituiti da un trattore e da un semirimorchio;     l) autosnodati: autobus composti da due tronconi rigidi collegati tra loro da  una  sezione  snodata.  Su  questi  tipi  di  veicoli  i compartimenti viaggiatori situati in ciascuno dei due tronconi rigidi sono comunicanti. La sezione snodata permette la libera  circolazione dei  viaggiatori  tra  i  tronconi  rigidi.  La  connessione   e   la disgiunzione delle due parti possono essere  effettuate  soltanto  in officina;     m)  autocaravan:  veicoli  aventi  una  speciale  carrozzeria  ed attrezzati  permanentemente  per  essere  adibiti  al   trasporto   e all’alloggio di sette persone al massimo, compreso il conducente.    n) mezzi  d’opera:  veicoli  o  complessi  di  veicoli  dotati  di particolare attrezzatura per il carico e il trasporto di materiali di impiego  o  di  risulta   dell’attivita’   edilizia,   stradale,   di escavazione mineraria e materiali assimilati ovvero  che  completano, durante la marcia, il ciclo produttivo di specifici materiali per  la costruzione edilizia; tali veicoli o  complessi  di  veicoli  possono essere adibiti a trasporti in eccedenza ai limiti di massa  stabiliti nell’art. 62 e non superiori a quelli di cui all’art. 10, comma 8,  e comunque nel rispetto dei limiti dimensionali fissati nell’art. 61. I mezzi d’opera devono essere, altresi’, idonei allo specifico  impiego nei cantieri o utilizzabili a uso misto su strada e fuori strada.
2. Nel  regolamento  sono  elencati,  in  relazione  alle  speciali attrezzature  di  cui  sono  muniti,  i  tipi   di   autoveicoli   da immatricolare come autoveicoli per trasporti specifici ed autoveicoli per usi speciali. 

La classificazione degli automezzi ai fini Iva

Ai Fini Iva invece non troviamo questa classificazione così minuziosa anche perchè la platea di mezzi è più alta essendo l’iva un tributo la cui potestà impositiva non è Italiana ma Europea è più ampia muovendosi in ambito europeo. In tal senso troviamo una più sintetica e pratica classificazione di veicoli stradali a motore da cui discendono anche diversi profili di detrazione Iva sulle auto.
Ai fini Iva infatti abbiamo gli autoveicoli per il trasporto stradale di beni o persone, gli autoveicoli con massa inferiore alle 3,5 tonnellate, e gli automezzi per il trasporto di massimo 8 persone.

Ai fini della deducibilità del costo Irpef ed Ires leggete gli articoli di approfondimento dedicati alla detrazione auto per il professionista, la detrazione dei costi auto per l’agente di commercio e rappresentante oppure la deducibilità dei costi per l’auto dell’amministratore, o l’auto concessa ai dipendenti e anche ai fini della detrazione Iva sulle auto ci sarà tanto da dire.

Articolo dedicati alla tassazione delle auto

Questo sia sotto il profilo del costo di acquisto sia per quello che concerne i vari contratti differenti dal trdizionale acquisto concui si può comunque entrare nella disponibilità del bene come il leasing o il noleggio a lungo termine non scordandovi che nel sito è presente la categoria dedicata proprio al fisco e alle auto.

Quando immatricolare un’auto come autocarro e risparmiare sulle tasse e sulle imposte

Discorso a parte merita il tema dell’immatricolazione dell’auto come autocarro ricordando che questa da sola non  basta per dedurre il 100% dei costi di acquisto, carburanti, e altri costi per la gestione e la manutenzione ordinaria e straordinaria del veicolo.

Convenienza a immatricolare la macchina o il SUV come autocarro

Qui potete trovare un articolo dedicato alla valutazione della convenienza economica ad immatricolare una macchina come un autocarro così da farvi un’idea in poche parole di quanti soldi effettivamente risparmiate e se ne vale la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.