Il redditometro: termini di prescrizione dell’accertamento

redditometroIl redditometro nuovo (e anche il vecchio) sono soggetti a termini di prescrizioni che determinano la decadenza o ultimo momento in cui l’Agenzia delle Entrate può procedere a notificare l’accertamento sintetico al contribuente.
Vediamo allora se vi sono state modifiche nei termini di prescrizione del redditometro e cosa si dive fare qualora ve ne avessero notificato uno.
In effetti nonostante abbiamo spesso parlato dei modi per difendersi dal redditometro e della particolari categoria di voci di spesa interessate dal redditometro forse non mi sono soffermato sulla prima cosa da fare quando arriva un accertamento sintetico ossia quello di verificare a quale anno si riferisce il redditometro.
La verifica dell’anno oggetto di investigazione ossia di richiesta di informazioni o giustificazioni su questa o quella spesa.

La notifica dell’atto di accertamento deve avvenire entro il termine ordinario di notifica ossia entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione relativa all’anno di imposta indagato e nel caso in cui questa sia stata omessa il termine slitta al quinto anno rispetto alla scadenza naturale.

Per facilitarvi nella comprensione ho inserito una tabella con i termini di accertamento, che parte proprio dall’anno oggetto di accertamento, verifica e richiesta di informazioni da parte dell’agenzia delle entrate.

Una volta che verificate che la notifica è andata oltre potrete contattare un dottore commercialista e valutare se presentare un’istanza di autotutela con cui farsi sgravare subito l’atto (se l’agenzia delle entrate si mostra aperta al dialogo) oppure valutare se presentare ricorso in commissione tributaria che vincerete ancor prima di entrare nel merito della questione in quanto l’atto è annullabile per prescrizione dei termini di accertamento.

Quando si presenta la dichiarazione? Ricordate nel calcolo che la dichiarazone si presenta sia con il 730 sia con il modello Unico l’anno successivo.

Ricordo inoltre che parliamo oggi di nuovo redditometro entrato in vigore con il Decreto Legge numero 78 del 2010 ma se vedete la tabella anche il vecchio redditometro è ancora iattivo in quanto i termini entro cui procedere alla notifica dell’azione di accertamento.

Leggete poi l’articolo dedicato a come superare i controlli del redditometro, sempre utile!

Raddoppio dei termini di accertamento
Vi ricordo inoltre che tali termini raddoppiano nel caso in cui siamo in presenza di reati tributari.

Termini decadenza dell’accertamento sulla dichiarazione   dei redditi dell’Agenzia delle Entrate:

tabella redditometro per calcolo prescrizione

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>